L’acqua frizzante fa male? 5 falsi miti da sfatare: parola agli esperti

Quando si ha molta sete la scelta spesso va a finire sull’acqua frizzante, ma siamo certi che non faccia davvero male come tutti credono? Vediamo che cosa dicono esperti e nutrizionisti sul tema. 

Acqua frizzante
Acqua frizzante (Foto di Konstiantyn Zapylaie AdobeStock)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

I medici consigliano di bere almeno 2 litri di acqua al giorno per idratarsi correttamente, eliminare le scorie, attenuare l’ipertensione e depurare i reni.

Quindi ora la domanda arriva spontanea: verso che acqua orientarsi? Meglio la naturale o quella effervescente (o leggermente frizzante)?

Altroconsumo ci è venuto ancora una volta in aiuto e ha stilato una classifica nazionale molto accurata che potrebbe essere d’aiuto a moltissimi consumatori.

Non solo ha analizzato quelle minerali naturali ma anche le frizzanti, e sono stati valutati su tutte, tra i tanti fattori, la completezza delle informazioni in etichetta, il contenuto di sali minerali, di metalli e di contaminanti, nonché la presenza di odori anomali al momento dell’apertura delle bottiglie.

La marca migliore secondo i test di Altroconsumo tra le acque frizzanti è Boario frizzante (75 punti) considerata di qualità ottima.

Ora però passiamo alla domanda seguente: ma fanno davvero male le acque frizzanti? Esistono 5 false credenze a riguardo di questo tipo di prodotto, vediamo che cosa dicono gli esperti e come dobbiamo comportarci di conseguenza.

L’acqua frizzante fa male? La risposta lascia tutti senza parole

Che differenza c’è tra effervescente naturale e frizzante? A differenza delle prime che sgorgano naturalmente dalle fonti, le frizzanti sono acque minerali naturali addizionate di anidride carbonica tramite un processo detto carbonicazione.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Sbianca denti alimenti miracolosi
Denti bianchi (Foto di Aldeca Productions)

Sul web ci sono dei falsi miti legati a quest’acqua (sia essa effervescente naturale oppure frizzante).

1. Il primo effetto negativo dell’acqua gassata riguarda i denti, in quanto l’anidride carbonica usata per formare le bollicine causa la creazione dell’acido carbonico che rovina lo smalto dei denti. Spesso si consiglia di consumare l’acqua frizzante solo durante i pasti e di usare la cannuccia anziché bere dal bicchiere per evitare che entri direttamente a contatto con i denti.

Il falso mito ce lo spiega il sito culligan.it:

Questo è falso perché il pH della saliva varia durante i pasti, a seconda di quello che mangiamo e beviamo, ma in brevissimo tempo vengono ripristinati i valori normalmente compresi tra 6.5 e 7.5, quindi nonostante l’anidride carbonica in acqua generi acido carbonico, responsabile dell’abbassamento del pH, le acque gassate non hanno alcun potere corrosivo nei confronti dello smalto (…)“.

2. In più l’acqua minerale può contenere un certo quantitativo di sale che causa non solo un aumento della sete ma anche la ritenzione idrica (che si trasforma spesso in cellulite).

Anche questa affermazione non ha alcun fondamento scientifico in quanto il gas ingerito è espulso poco dopo con la diuresi e la digestione, senza intaccare minimamente la nostra salute. Ricordiamo infatti che la con la gassatura si aggiunge unicamente anidride carbonica all’acqua ma questa mantiene completamente inalterate le sue caratteristiche saline!

3. L’acqua frizzante non disseta, si sente dire spesso. Al contrario l’acqua gassata ha un potere dissetante praticamente immediato, “una sensazione di appagamento che si avverte più velocemente rispetto alle acque lisce a causa dell’effetto che l’anidride carbonica ha sulle papille gustative“.

4. L’acqua frizzante può inoltre causare gonfiore addominale e flatulenza: l’effetto è momentaneo ma se preferite una pancia piatta meglio consumare solo acqua naturale. Inoltre, è sconsigliata a chi soffre di reflusso gastrico, perché potrebbe esercitare una pressione sullo stomaco che aumenta la possibilità di reflusso, apportando bruciore e dolore allo stomaco.

Falso, perché l’effetto di gonfiore dovuto all’acqua gassata è temporaneo, l’anidride carbonica anzi aiuta a digerire e la sensazione svanisce velocemente con la diuresi e la digestione del cibo.

Gonfiore addominale esempio menù settimanale
Gonfiore addominale (Foto @lolnews.it)

5. L’acqua frizzante ha più calorie dell’acqua naturale. Falso, l’acqua non ha calorie e l’acqua frizzante ha le stesse identiche caratteristiche saline dell’acqua naturale cambia solo l’aggiunta di anidride carbonica che genera le bollicine. Quindi bando alle ciance, l’acqua gassata può essere assunta tranquillamente nel rispetto di un regime dietetico ipocalorico meglio se controllato!