Ha reso famoso il liquore italiano che tutti amiamo: l’addio a 81 anni

Ha reso celebre la Dolce Vita nel mondo facendo del suo liquore italianissimo un simbolo indiscusso in ogni angolo del pianeta. La notizia della sua dipartita ha sconvolto molti.

Liquori italiani addio Molinari dopo 81 anni
Liquori italiani (Pexels)

LE RICETTE PIU’ LETTE DI OGGI:

La notizia della sua morte è stata annunciata ieri tramite una nota condivisa dalla famiglia, la moglie Daniela e i figli Angelo, Inge e Mario.

“Uomo brillante e lungimirante imprenditore, ha dedicato la sua vita all’azienda e alla famiglia, fin da giovane in azienda insieme al padre Angelo e ai fratelli Mafalda e Marcello. Ne ha preso poi le redini portandola, con passione e dedizione, grazie al suo forte intuito imprenditoriale e alla sua visione innovativa e fuori dagli schemi, al successo di oggi e lanciandola a livello internazionale“.

La morte lo ha colto il 24 aprile a Civitavecchia, Roma, dove viveva da tempo, dopo aver lavorato per anni nel rendere nota la sua Sambuca simbolo della Dolce vita.

Antonio Molinari 81 anni era malato da tempo anche se lo sapevano solo i parenti più stretti e gli amici intimi. I funerali sono previsti nella Cattedrale di Civitavecchia alle 15.30 di oggi martedì 26 aprile.

Morto Antonio Molinari: era il re della Sambuca

Come per la Coca-Cola anche la sua Sambuca ha una ricetta segreta che si differenzia dalle altre in commercio perché si basa su una formula a base di anice stellato e altri dosaggi mai rivelati fuori dagli stabilimenti. D’ora in poi, però, questo liquore dal tipico sapore dolce avrà un retrogusto un po’ amaro.

Liquori italiani addio Antonio Molinari 81 anni
Antonio Molinari (Facebook)

La morte di Antonio ha lasciato tutti esterrefatti, tanta la commozione che la notizia ha sollevato a livello nazionale per l’impegno e la dedizione che questo imprenditore ha saputo condensare negli anni di attività in fabbrica.

Angelo Molinari nel 1945 dà vita alla prima piccolissima azienda a Civitavecchia. È solo nel 1959 che però sorge il primo stabilimento produttivo come lo si conosce oggi e l’azienda cominciare a farsi conoscere facendosi pubblicità in tv e sulla radio grazie a testimoniale d’eccezione.

Vent’anni dopo, nel 1974, Colfelice (Frosinone) nasce la Molinari Sud spa, stabilimento ad alto livello di automazione che come si legge sul sito web aziendale (storia), aveva “una capacità produttiva che arriva a battere il record di 60.000 bottiglie al giorno“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Molinari Sambuca Extra (@molinarisambuca_it)

Oggi l’attività è gestita dai figli di Antonio, Angelo, Mario e Inge, che portano avanti ancora l’attività di famiglia come era stata concepita fin dalle origini.

Un caffè corretto Sambuca” vorrà sempre dire Molinari, e questo lo ha costruito il suo predecessore che ha reso celebre nel mondo la Sambuca Made in Italy coronando il suo sogno e quello del padre Angelo prima di lui.