Agnolotti piemontesi con lo stracotto, la ricetta del cuore di Benedetta Parodi

Benedetta nel suo ultimo post Ig ha pubblicato una foto di questo piatto amatissimo della sua regione ma ha svelato ai follower che si tratta solo di un’anticipazione che presto vedremo a Natale sul suo blog.

Benedetta Parodi scatto rivelatore
Benedetta Parodi (Foto da Instagram)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

L’Italia è la patria della pasta ripiena, con le sue ricette tipiche regionali e i vari formati simbolo di ogni regione.

Tortelli, tortellini, tortelloni, agnolotti, ravioli, sono solo alcuni dei più famosi formati di pasta ripiena che possiamo trovare nel nostro Bel Paese, abbinati a mille e più condimenti differenti a seconda del luogo dove ci troviamo.

Ne abbiamo parlato anche nell’articolo “Tortelli, tortellini, tortelloni: 50 sfumature di pasta ripiena. Tutte le differenze” dove spieghiamo nel dettaglio come distinguere tutte queste prelibatezze regionali.

Uno in particolare però ha solleticato anche il palato di Benedetta Parodi, nativa di Alessandria (Piemonte) classe 1972. Avete indovinato, sono gli agnolotti, ravioli ripieni

Per correttezza geografica, ricordiamo che nel Monferrato e nel Torinese il ripieno degli agnolotti si compone da carni di maiale e vitello arrosto con l’aggiunta di cervella.

Nel basso Canavese trovano spazio oltre alla carne sopra citata anche la verza e la salsiccia; nel Tortonese e nell’Alessandrino (dove è nata Benedetta) il ripieno è a base di stracotto di carne bovina e condito con la glassa di cottura della carne.

Ingredienti e preparazione degli agnolotti

Benedetta nel suo ultimo post Ig ha pubblicato una foto di questo piatto amatissimo della sua regione ma ha svelato ai follower che si tratta solo di un’anticipazione che presto vedremo a Natale sul suo blog.

Noi però, golosi come siamo, vi vogliamo portare avanti quindi eccovi la ricetta dettagliata per realizzare gli agnolotti alla maniera alessandrina, quindi con lo stracotto.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Benedetta Parodi (@ziabene) 

INGREDIENTI

Per la pasta: 

  • 300 g di farina 00
  • 3 uova intere
  • Sale qb.

Per il ripieno:

  • 1 cipolla
  • 2 spicchi di aglio
  •  1,5 l di brodo di carne
  • 200 g di polpa di vitello
  • 400 g polpa di manzo
  • 100 g lonza di maiale
  • 1 uovo
  • 2 foglie di verza
  • Noce moscata qb.
  • 75 g di Parmigiano Reggiano DOP
  • 40 g burro
  • Rosmarino fresco qb.
  • Sale e pepe qb.

PREPARAZIONE (circa min)

Per prima cosa creare la pasta. Nella spianatoia versare la farina, le uova ed il sale ed iniziare ad impastare energicamente fino ad ottenere un panetto compatto e molto elastico.

Rivestirlo di pellicola alimentare e riporlo in frigo per circa 60 minuti. Nel frattempo preparare il brodo di carne seguendo la nostra ricetta dettagliata al seguente link.

In una padella capiente versare il burro e cuocerlo a fuoco bassissimo per un minuto, quando si sarà sciolto aggiungere aglio e cipolla tritati finemente al coltello.

Quando questi si saranno ammorbiditi, unire anche il rosmarino e la carne di manzo. Rosolatela da entrambe i lati, quindi aggiungete la carne di vitello.

Unire in padella anche la lonza e rosolare sempre da tutti i lati, aggiungere quindi al bisogno un mestolo di brodo di carne per insaporire la preparazione e favorire la cottura. A mano a mano si creerà un fondo di cottura denso e scuro.

Cuocere per circa 3 ore unendo un mestolo di brodo quando serve. Trascorso il tempo indicato dividere la carne dal fondo di cottura, quest’ultimo va conservato per condire la pasta alla fine.

In un robot da cucina inserire la carne stracotta, due foglie di verza sbollentate in acqua calda un paio di minuti e frullare il tutto fino ad ottenere un composto sabbiato.

In una ciotola sbattere l’uovo, unire il Parmigiano e anche la carne trita. Mescolare bene il nuovo composto.

Tirare fuori la pasta dal frigo e dividerla in due. Con la sfogliatrice creare due strisce di pasta sottili, la prima andrà inserita sopra lo stampo per gli agnolotti e pressata bene sugli angoli.

Inserire la carne dentro una sacca da pasticcere e versare un pò di composto dentro ogni foro dello stampo per agnolotti. Stendere sopra il secondo strato di pasta e sigillare bene i bordi.

Potete anche spennellare con un pò di acqua i punti della pasta senza ripieno in modo che l’altra sfoglia di pasta aderisca meglio.

pollo patate padella ricetta
Rosmarino (Foto di Monstera da Pexels)

Ricavare gli agnolotti con il tagliapasta e farli bollire per circa 2 minuti nella pentola con il brodo bollente.

Quando iniziano a galleggiare toglierli con una schiumarola e versarli su un piatto da portata. Condirli con la salsa dello stracotto e altro rosmarino fresco.