Tutte le diete che fanno male alla salute e non funzionano: devi saperlo!

Se si vuole perdere peso o comunque condurre una vita sana e in armonia con il proprio corpo, si deve avere un buon rapporto con il cibo. Vediamo che cosa dice l’esperto sul tema. 

Alimentazione e dieta, le cattive abitudini che rovinano la vita: "Non esistono cibi da demonizzare"
Cattive abitudini a tavola (Foto @onligol.it)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Oggi vogliamo mettere l’accento su come la mente ed il cibo siano collegati, e di come, in particolare, la nostra psiche e il nostro umore possono, se scollegati, influenzare il nostro stato di salute fisica e quindi anche la nostra volontà di rimetterci in forma.

Soprattutto però lo scorso 10 ottobre si è anche festeggiata la Giornata Mondiale della Salute Mentale che ha messo in luce per l’ennesima volta il tema, oggigiorno sempre più sottovalutato o ancora non compreso a sufficienza.

A volte non è sempre questione di cibo e metabolismo lento, a volte potrebbe anche essere questione di testa “sbagliata”.

Sono migliaia le persone di tutte le età che negli ultimi anni si sono gettate a capofitto sul cibo piuttosto che ricorrere alla psicoterapia.

In aumento anche tra i giovani i casi di disturbi del comportamento alimentare di cui ricordiamo ad esempio il binge eating disorder (conosciuto anche come disturbo da alimentazione incontrollata) e la bulimia nervosa.

Se anziché partire dal cosa e quanto dobbiamo mangiare, partissimo dal perché e dal come mangiamo molto probabilmente finiremmo per evitare di abbuffarci, o quanto meno ridurremmo drasticamente gli episodi di fame nervosa.

Ha spiegato il dottor Emanuel Mian nel suo ultimo libro ‘Mindfoodness’. Esistono però anche diverse abitudini sbagliate che però dobbiamo tenere a mente ogni qual volta ci avviciniamo alla questione alimentazione e diete. Vediamo che cosa dicono gli esperti.

Abitudini sbagliate a tavola, i dati parlano chiaro

La pandemia, la reclusione in casa, la guerra in Ucraina e l’enfatizzarsi dell’uso dei social in questi ultimi anni hanno portato a cambiamenti repentini nelle abitudini di tutti i giorni.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

I dati Istat svelano che dai primi sei mesi del 2020 ad oggi, il numero di persone (uomini, donne e adolescenti) con disturbi del comportamento alimentare è aumentato del +30%.

I social in tutto questo hanno giocato un ruolo predominante, e torniamo alla questione sopra citata della “testa sbagliata” facilmente influenzabile anche da quello che il web ed il mondo virtuale ci propone con virulenza e senza sosta alcuna.

Si cerca lo stereotipo con tutte le proprie forze, senza sosta, si tende ad una bellezza a volte non reale abbandonando invece la propria natura di esseri umani.

La dottoressa biologa Giulia Biondi, creatrice del metodo Bilanciamo® e divulgatrice sui social con l’account @bilanciamo, intervistata da Vanity Fair ha così raccontato il suo punto di vista sull’argimento.

Smettiamo di dare un valore morale al cibo: non è la lattuga a essere più sana della pizza o del cioccolato. Tutto può essere salutare, se inserito in uno stile alimentare consapevole e corretto.

Inoltre ha spiegato che “non esistono cibi da demonizzare, solo da conoscere bene per ritrovare la gioia di mangiare!“.

Per la Biondi infatti le centinaia di diete che il web ci propone sono tendenzialmente sbagliate perchè non studiate a tavolino sul soggetto ma immesse in rete solo per creare notizia. Il cibo è un nostro alleato e non va per nulla trascurato.

Quindi attenzione a tutte le diete del gelato, la dieta chetogenica, la dieta dei liquidi e quella intermittente: queste vanno sempre assegnate da un medico competente e mai invece portate avanti singolarmente su imitazione di star e influencer!

Dieta bilanciata
Dieta bilanciata (Canva)

Il consiglio è sempre quello di rivolgersi a persone qualificate che possano dare una mano a trovare la strada giusta con il proprio rapporto con l’alimentazione. Evitare sempre il fai da te e le diete trovate sui social, nulla è generalizzabile, soprattutto se si tratta della propria salute fisica e mentale.