Alimenti a base di cannabis: i rischi per la salute

Alimenti a base di cannabis: i rischi per la salute

di Ivana Tramontano

Gli alimenti a base di cannabis nascondono pericoli per la salute secondo una nuova ricerca. Vediamo insieme gli effetti sull’organismo.

Tè, torte, cioccolato e dolci infusi con il farmaco sono comunemente considerati un’alternativa più sicura al fumo o allo svapo. Ma possono rendere i consumatori incoscienti, renderli malati o scatenare la paranoia se assunti insieme ad alcol , sonniferi o oppioidi, dicono gli esperti di salute.

L’avvertimento è stato emesso dai medici in Canada settimane dopo che il paese ha legalizzato i commestibili di cannabis, consentendo ai negozi di immagazzinare i prodotti sui loro scaffali. La marijuana ingerita richiede quattro o più ore per dare agli utenti un “effetto”, ma questi sono più intensi e possono durare fino a otto ore.

Gli utenti che si sentono ancora sobri dopo aver consumato gli alimenti possono essere tentati di prenderne di più perché pensano non abbiano fatto effetto, affermano i medici dell’Università di Toronto. Ciò aumenta il rischio di assumere più di quello che possono gestire e di avere un’esperienza spiacevole.

Gli studiosi hanno esortato gli utenti a tenere i prodotti fuori dalla portata di bambini e animali domestici, perché molti alimenti sembrano caramelle e altri cibi e bevande appetitosi. Altri gruppi vulnerabili includono gli adolescenti. Il National Cannabis Survey del 2019 ha rivelato di credere erroneamente che i commestibili di cannabis abbiano effetti positivi su sonno, umore e ansia. Questo in realtà è contrario a quanto visto in evidenza, secondo gli esperti di salute.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post