Allerta alimentare, nuovo ritiro di semi di sesamo per contaminazione

Il Ministero della Salute ha disposto un ritiro urgente a causa di una contaminazione pericolosa per la nostra salute, vediamo di cosa si tratta.

Ritiro urgente semi sesamo contaminazione ossido etilene
Spesa (Foto di Laura James da Pexels)

Nuovo ritiro da parte del Ministero della Salute che ha bloccato la commercializzazione sul mercato di un prodotto soggetto a contaminazione microbiologica nociva per la salute umana.

Come ogni volta la raccomandazione è quella di non consumare il prodotto se presente in casa e di riportarlo nel punto vendita per il cambio merce anche senza scontrino. Vediamo di cosa si tratta ed i lotti coinvolti.

Semi di sesamo ritirati, i lotti sotto scacco da evitare

Il Ministero della Salute ha richiamato i semi di sesamo del brand Sarchio per la presenza di ossido di etilene.

Ritiro urgente semi sesamo contaminazione ossido etilene
Supermercato (Foto di Oleg Magni da Pexels)

Sottoposto a ritiro è il lotto 204431 con data di scadenza 31/07/2022 e venduto in confezione da 180 grammi.

Il nome o ragione sociale dell’OSA tramite cui il prodotto è commercializzato è Sarchio Spa che è anche il marchio di identificazione dello stabilimento/del produttore, la cui sede si trova in Via dei Trasporti 22-28, 41012 Carpi, Modena.

Potrebbe interessarti anche –> Allerta alimentare, nuovo ritiro urgente: attenzione al congelatore

La contaminazione è stata segnalata all’azienda dal fornitore e si aggiunge alla lunga lista di prodotti sul mercato con questa sostanza dannosa oltre i limiti. I limiti europei per i semi di sesamo sono di 0.05 mg/kg come specificato dal Regolamento UE 1540/2020.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @haccpsystemgroup

Potrebbe interessarti anche –> Allerta alimentare, due prodotti molto noti ritirati per contaminazione batterica. I dettagli

L’ossido di etilene è un prodotto petrolchimico dell’industria in prevalenza petrolifera, usato però anche nelle produzioni alimentari come conservante, disinfestante e sterilizzante. Lo IARC nel 1994 ha classificato l’ossido di etilene come agente cancerogeno, tossico e mutageno per l’uomo.