Allerta alimentare, ossido di etilene nel gelato Tartufo. Tutti i dettagli

Nuovo blocco nei supermercati stavolta per colpa del famigerato ossido di etilene, il Ministero ha dato la notizia nelle scorse ore per avvisare i consumatori. 

Tartufi gelato bloccati lotti nel dettaglio
Tartufi gelato bloccati (Foto di ExplorerBob by Pixabay)

Sul sito del Ministero della Salute è apparsa la nota del ritiro, in via precauzionale, di un lotto del Gelato Tartufo bianco e nero del marchio IPER per la presenza di ossido di etilene in uno degli ingredienti.

L’ormai famigerata sostanza è stata messa al bando dell’UE nel 2001 per via della tossicità che ha verso la salute umana, però ritorna puntuale in alcune sostanze poi presenti negli alimenti di largo consumo nazionale, come in questo caso due dolci del reparto surgelati.

Anche in questo caso il Ministero ha sconsigliato il consumo ma di riportare il prodotto nel punto vendita per il cambio merce immediato se già presente in casa.

Lotti bloccati, consumatori in allarme

Come già detto il motivo del richiamo, come riportato sul sito del Ministero della Salute, è il seguente: “Ritiro precauzionale per possibile presenza di tracce di ossido di etilene“.

Salame ritiro Salmonella dettagli lotto
Supermercato (Pixabay)

Il gelato oggetto del richiamo è venduto in confezione da 2X90 g ed è prodotto da New Cold Srl nello stabilimento di Lodi alla via Del Contarico 36. Lotto di produzione incriminato 21067 e data di scadenza all’08/03/2023.

La ragione sociale dell’OSA a nome del quale il prodotto è commercializzato invece è IPER Montebello Srl.

Non si tratta del primo ritiro legato alla possibile presenza di ossido di etilene negli alimenti. Solo negli ultimi due anni si contano oltre 100 prodotti richiamati dal Ministero e dal Rasff tra bevande, burger, yogurt, prodotti senza glutine, integratori alimentari, sughi, pasticceria, sorbetti.

POTREBBE INETERSSARTI ANCHE –> Allerta alimentare grave, richiamati due prodotti per rischio Salmonella

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @haccpsystemgroup

Massima avvertenza dunque anche questa volta, riportare il prodotto nel punto vendita se già in casa, non è necessario avere lo scontrino fiscale come prevede la legge nazionale in questi casi.