Allerta alimentare. Prodotto ritirato dai supermercati: i rischi

Allerta alimentare, nuovo ritiro urgente dagli scaffali del supermercato, questa pasta contiene una sostanza tossica. 

fettuccine
Foto di neciodesalida da Pixabay

Sono stati ritirati dal mercato alcuni prodotti di pasta biologica di lenticchie, riso rosso e curcuma e pasta biologica di fave. Il richiamo dal mercato è solo a scopo precauzionale in quanto conterebbe una sostanza tossica, il ritiro è stato predisposto dal Ministero della Salute. Le confezioni di pasta ritirate sono del marchio Pastificio Fiorentino Renaissance. 

Ritiro dal mercato a scopo precauzionale

Sono interessate al ritiro dagli scaffali dei supermercati le confezioni da 250 gr del marchio Pastificio Fiorentino Renaissance in quanto potrebbero essere presenti delle sostanze tossiche.

penne all'isolana
Pasta corta  (Fonte: Video Screenshot)

Pasta di lenticchie, riso rosso e curcuma con con il Tmc 28/12/2023 dei formati calamarata, risoni, paccheri e penne in aggiunta alle confezioni di pasta di fave, riso rosso e curcuma con il Tmc 08/01/2024 dei formati calamarata, paccheri e fusilli, e con il Tmc 28/12/2023 del formato risoni.

Potrebbe interessarti anche: Laura Cremaschi ha un solo amore. Non ce n’è per nessuno

Il ritiro è stato predisposto dal Ministero della Salute nella giornata di ieri 30 agosto 2021, il prodotto ritirato è dell’Azienda Agricola Bio Floriddia C. da Pasta Natura Srl nello stabilimento di via Agricoltura 10, a Busca in provincia di Cuneo.

Inoltre sempre per la presenza di ossido di etilene nell’ingrediente farina di semi di carrube, diversi gelati confezionati in diversi lotti e gusti del marchio Nuii e Milka. Le informazioni sono fornite dai colleghi del sito ilfattoalimentare.it.

Potrebbe interessarti anche: Elisa Isoardi lo ritrova dopo tanto tempo. Insieme fanno scintille!

 Cos’è l’ossido di etilene e a cosa serve?

L’ossido di etilene è un gas utilizzato per disinfettare e sterilizzare usato ad esempio nelle sale operatorie che sono ambienti sterili. Diversi anni fa era usato dalle aziende alimentari come battericida e antimicotico così da poter sterilizzare quei determinati prodotti che si sarebbero deteriorati con temperature elevate e per sterilizzare i silos e magazzini.

In Europa questa sostanza è vietata, in quanto rientra nella categoria dell’elenco di quelle cancerogene e tossiche.