Allerta alimentare, richiamate cozze per pericolo tossicità acuta

Nuovo doppio ritiro urgente da parte del Ministero che ha allertato in consumatori su prodotti già precotti di due noti brand in commercio.

Cozze ritirate Ministero biotossine oltre i limiti
Cozze (Foto di Eugenio Cuppone da Pixabay)

Il Ministero della Salute ha diffuso gli avvisi di richiamo di due lotti di cozze già cotte secondo le ricetta alla tarantina e alla marinara rispettivamente dei marchi Marinsieme Idea e Aquolina, per “rischio grave per la salute dei consumatori per pericolo di tossicità acuta da biotossine algali DSP (acido okadaico) (superamento della dose acuta di riferimento di 160 microgrammi/kg)”.

Anche stavolta la raccomandazione ai consumatori è quella di non mangiare i prodotti segnalati e di riportarli nei punti vendita di acquisto per il cambio merce immediato anche senza scontrino fiscale come previsto dalla legge.

Cozze cotte ritirate, i dettagli sui lotti

I prodotti in questione sono venduti in vaschette da 400 grammi al peso netto e riportano i seguenti numeri di lotto:

Cozze ritirate pericolo consumatori allerta Ministero
Supermercato (Pixabay)
  • Cozze cotte alla tarantina e alla marinara Marinsieme Idea con il numero di lotto 211001 e la data di scadenza al 01/10/2021.
  • Cozze cotte alla tarantina e alla marinara Aquolina con il numero di lotto 2021/98361 e la data di scadenza al 01/10/2021.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Allerta alimentare, preparato addensante per prodotti da forno richiamato per rischio chimico

Le cozze cotte richiamate sono state prodotte entrambe da Mancin Nadia Srl nello stabilimento di via Romena Nuova 53, nella frazione Rivà di Ariano nel Polesine, in provincia di Rovigo il cui marchio di identificazione è IT 90 CE.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @haccpsystemgroup

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Roma, maxi sequestro: prodotti surgelati scaduti da anni in vendita al supermercato

Ricordiamo che l’assunzione di tali prodotti potrebbe portare a disturbi intestinali e alterazioni e della flora batterica con nausea e vomito, nei casi più gravi anche a febbre alta. Rivolgersi sempre al medico o alla guardia medica in caso di manifestazioni di questo tipo.