Allerta alimentare. Ritirato da tutti i supermercati il re del Natale: la notizia preoccupa

Il Ministero della Salute ha bloccato uno degli alimenti simbolo del Natale per la presenza di corpi estranei al suo interno rilevati anche dalla stessa azienda di produzione dolciaria. 

Pandoro Melegatti bloccato mercato rischio fisico dettagli lotto
Pandoro (Foto Instagram @melegatti)

Si tratta di una vero colpo non solo per l’azienda dolciaria veronese che in questi ultimi anni aveva investito molto nella propria produzione ma anche per i consumatori che erano già stati sommersi negli scaffali dei supermercati da questa prelibatezza tipicamente natalizia.

Un lotto di Pandoro Melegatti è stato richiamato dal mercato per un possibile rischio fisico legato alla presenza di corpi estranei all’interno del prodotto. L’avviso di richiamo, pubblicato dal Ministero della salute sul proprio portale web, ha già fatto anche il giro della rete per avvisare gli ignari consumatori di non acquistare in via precauzionale il prodotto.

Lotto bloccato, consumatori in allarme

Anche stavolta il consiglio è quello di non consumare il prodotto se già presente in casa e di riportarlo nel punti vendita per il cambio merce immediato anche senza scontrino fiscale.

Pandoro Melegatti bloccato mercato rischio fisico dettagli lotto
Pandoro Melegatti (Foto Instagram @melegatti)

Si parla di una possibile presenza di pezzi duri di plastica nell’impasto. Nel dettaglio il richiamo riguarda un singolo lotto di Pandoro Originale Melegatti venduto però in due diverse modalità. L’avviso di richiamo riguarda sia il Pandoro Originale 750 g sia il Pandoro Originale 740 g.

Il prodotto interessato riporta data di scadenza o termine minimo di conservazione fissato al 30 aprile 2022.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Richiami alimentari della settimana: cosa vi siete persi dal 6 al 13 novembre

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @haccpsystemgroup 

Si tratta però dello stesso lotto, il numero 210917, prodotto da Melegatti 1894 Spa nel proprio stabilimento di Via Monte Carega e San Giovanni Lupatoto, in provincia di Verona.