Allerta alimentare, scatta la maxi operazione: sequestri choc

L’Asl di Napoli 1 ha imposto sanzioni pari a 14mila euro per in diverse attività di ristorazione di via Diocleziano (quartiere di Fuorigrotta). Riscontrati illeciti gravi in ambito sanitario.

Allerta alimentare, scatta la maxi operazione: sequestri choc
Guardia giurata (Foto di Andrey Popov AdobeStock)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Proseguono i controlli dei Nas e le Asl italiane che combattono da sempre gli illeciti commerciali e la messa in vendita di prodotti non conformi alle norme igienico-sanitarie nazionali.

L’ultimo max sequestro è avvenuto a Napoli, più precisamente nel quartiere di Fuorigrotta, dove il personale del Dipartimento di Prevenzione dell’Asl Napoli 1 Centro.

Composto da un medico veterinario, 5 medici chirurghi e 16 tecnici della prevenzione e 2 autisti dell’autoparco centrale, hanno scovato delle carenze in alcuni locali, tali da richiedere il sequestro immediato.

Nello specifico, i controlli avvenuti a campione venerdì 3 giugno, hanno portato alla sospensione di un deposito e di un’attività di ristorazione, 64 prescrizioni, 2 diffide e 5 verbali per un totale di 8mila euro.

Ne ha dato comunicazione Teleischia.com sul proprio portale online, la quale ha poi anche precisato che il lavoro è proseguito anche sabato sempre in via Diocleziano, con un’intensa attività di vigilanza dei supermercati e minimarket.

Sabato i controlli sono stati portati avanti da un medico veterinario, 3 medici chirurghi e 15 tecnici della prevenzione, oltre a due autisti dell’autoparco centrale“. Cose è emerso stavolta? Nulla di buono per la sicurezza alimentare dei consumatori.

Napoli sotto assedio, decine i controlli a campione. Salute a rischio

Anche nelle tappe di sabato 4 giugno sono state commissionate sanzioni per un totale di 4mila euro con 35 prescrizioni, 2 diffide e la sospensione di un deposito.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Addetto controllo qualità
Addetto controllo qualità (Foto di hedgehog94 AdobeStock)

L’attività è poi continuata a Scampia. dove sempre sabato sono stati coinvolti non solo molti volontari dell’Asl ma anche 4 veterinari, 3 tecnici della prevenzione, 2 guardie giurate e 2 agenti della Polizia di Stato (Commissariato PS di Scampia) che hanno permesso di individuare e sequestrare 70 kg di mitili.

Domenica, infine, il lavoro dei sanitari si è spostato in un’ampia aera di Pianura dove sono stati individuati 2 ambulanti abusivi e un privato a cui sono stati sequestrati 100 kg mitili per 2mila euro.

Il direttore generale Ciro Verdoliva ha così espresso la sua gratitudine per quanto effettuato:

Un lavoro straordinario che proseguirà nei prossimi weekend e che, ancora una volta, ci ha consentito di eliminare dal mercato alimenti potenzialmente pericolosi per la salute“.

come riconoscere cozze contaminate
Piatto di cozze (sohyae0 da Pixabay)

Ma anche di far valere le leggi sulla sicurezza alimentare a tutela dei cittadini, ma anche dei tantissimi esercenti che rispettano le regole e che sono vittime di una concorrenza sleale“, ha terminato Verdoliva. Oltre 14mila euro di sanzioni e migliaia di kg di prodotti non a norma tolti dal mercato.