“Allerta massima per i consumatori”. Sequestrate tonnellate di alimenti in tutta Italia

Durante i controlli di routine sono state ispezionate 30 attività del comparto food&wine sull’intero territorio nazionale, riscontrando 25 illeciti amministrativi e 6 penali.

Carabinieri operazione Crepuscolo maxi sequestro Italia
Carabinieri (Facebook)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Solo ieri davamo notizia di un maxi sequestro nel bresciano relativo 1.500 chili di tonno bloccato prima di arrivare sul mercato rionale di zona.

Ats, e la Guardia di Finanza, hanno constatato una evidente violazione dei “Regolamenti europei sulla sicurezza e sull’igiene dei prodotti destinati all’alimentazione” tale per cui era necessaria la distruzione del pesce.

Poche ore fa invece sono arrivati i dati di una nuova campagna di ispezioni chiamata “Crepuscolo” che ha dato frutto nelle ultime settimane a decine di sequestri disposti a catena su tutto il territorio nazionale.

I Carabinieri dei Reparti Tutela Agroalimentare (R.A.C.) sono venuti in contatto con la merce avariata e non conforme alle disposizioni di legge nazionale ed europea durante i consueti controlli finalizzati alla sicurezza della filiera agroalimentare.

Durante tali controlli di routine sono state ispezionate 30 attività del comparto food&wine sull’intero territorio nazionale, riscontrando 25 illeciti amministrativi e 6 penali.

Tonnellate di alimenti sequestrate durante l’operazione “Crepuscolo”: ecco dove

La notizia è stata resa nota con un comunicato ufficiale direttamente sul sito dei Carabinieri.it, una vera soffiata che ha portato a controlli massicci e al sequestro ingente di prodotti anche a Indicazione Geografica da Nord a Sud.

Addetto controllo qualità
Addetto controllo qualità (Foto di hedgehog94 AdobeStock)

Nello specifico sono emerse violazioni in materia di rintracciabilità, etichettatura, evocazione di DOP e IGP sia nel comparto food che wine italiano, tale per cui sono stati sequestrate circa 9 tonnellate di prodotti alimentari (di cui carni, salumi, prodotti dolciari, formaggi), 2.018 litri di aceto e 300 litri di vino, per un valore monetario  complessivo di circa 127mila euro.

In particolare gli illeciti sono stati riscontrati in provincia di Torino e Modena. Qui sono stati denunciati 5 soggetti, titolari di due imprese commerciali per frode in commercio aggravata (artt. 515 e 517 bis c.p.). Acquistavano prodotti a IG già scaduti o prossima alla scadenza per poi rieticchettarli con nuova data di scadenza. I Carabinieri hanno portato al sequestro di 193 kg di salumi di vario tipo;

Il secondo caso nella provincia di Venezia per “indebito utilizzo ed indicazione della denominazione protetta in assenza della prescritta autorizzazione”. Sequestrate 6.800 confezioni di prodotto a base di formaggio per un valore di merce di 27mila euro, sopra cui era stata inopportunamente inserita la guaina identificativa dell’Asiago Dop senza autorizzazione del Consorzio;

In provincia di Torino sotto scacco alcune aziende dolciarie dove sono state sequestrate 639 confezioni di “Colombe Pasquali”. Anche qui la frode legata all’etichettatura non conforme al disciplinare di produzione ha fatto sì che venissero invece siglate 2.228 etichette con riferimento al Pistacchio Verde di Bronte DOP e Nocciole di Piemonte IGP;

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @haccpsystemgroup

Ultimo caso nelle province di Bolzano, Padova e Piacenza. Qui l’Arma ha sequestrato presso tre salumifici complessivamente 5.261 kg di prodotti di salumeria di vario tipo per un valore commerciale di circa 70 mila euro., In questo caso specifico mancava in etichetta l’origine e al filiera della carne suina lavorata.