Gli anacardi sono il migliore antidepressivo naturale, ti sveliamo il perchè

Un nuovo studio epidemiologico suggerisce che il consumo costante di anacardi può essere associato ad un migliore stato di benessere psico-fisico generale negli adulti.

Anacardi antidepressivi naturali motivo
Depressione (Foto @quipsicologia.it)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Due anni di pandemia mondiale, lockdown e la guerra Ucraina-Russia in atto sono forse i peggiori eventi che la popolazione mondiale abbia vissuto negli ultimi anni.

Ansia, depressione, sfiducia nel futuro e autolesionismo diffuso sono alcuni dei sintomi che maggiormente si stanno diffondendo tra giovanissimi e adulti.

Questi i dati diffusi in questi mesi dall’Istituto superiore Freud di Milano che da molto tempo si occupa di affrontare i problemi che coinvolgono i ragazzi.

Il Covid ha prodotto un decadimento generale della salute mentale, tanto che si stima un aumento del +45% del numero di casi di autolesionismo e tentativi di suicidio fino ai 17 anni rispetto allo stesso periodo del 2020.

Anche negli adulti la situazione non è certo migliore. Si è infatti registrato un picco assoluto pari al +60% rispetto allo stesso periodo del 2021 nella vendita di prodotto omeopatici per dormire, contro stress e ansia.

La scienza però fa sapere che esistono già in natura dei cibi antidepressivi naturali, uno su tutti la frutta secca come noci, mandorle, pistacchi ed in particolare gli anacardi.

Gli anacardi hanno potere antidepressivo soprattutto sulle donne

I ricercatori hanno scoperto che la tendenza alla depressione diminuisce del 26% per i consumatori di anacardi e dell’8% per i consumatori di altri tipi di frutta secca, rispetto a quelli che non consumano affatto la frutta a guscio.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

pasta con crema di anacardi
Anacardi (foto da Pixabay di ReadyElements)

Nello specifico gli anacardi erano stati precedentemente studiate per il loro ruolo nella salute cardiovascolare e cognitiva. Hanno però sorprendentemente anche un’associazione con i sintomi della depressione, fornendo un’altra ragione per includerli in un piano alimentare sano.

I ricercatori hanno esaminato i dati del National Health and Nutrition Examination Survey, che attinge a un ampio campionamento della popolazione statunitense.

Più di 26.000 adulti americani sono stati interrogati circa il loro apporto alimentare nel corso di uno o due giorni. Nonché i sintomi della depressione nelle ultime due settimane.

Utilizzando un questionario i partecipanti hanno valutato la frequenza con cui hanno sperimentato fattori quali scarso interesse nel fare le cose, difficoltà a dormire o dormire troppo, sentirsi stanchi o avere poca energia e difficoltà a concentrarsi sulle cose.

Secondo i risultati, i consumatori di anacardi avevano livelli energetici più elevati, migliore concentrazione e maggiore ottimismo generale.

Inoltre, secondo questo studio l’effetto sembra essere più forte tra le donne, che hanno maggiori probabilità di riportare sintomi di depressione rispetto agli uomini.

Rispetto ad altri frutti, gli anacardi infatti hanno un profilo unico di acidi grassi, contengono principalmente grassi polinsaturi. Inclusa una quantità significativa di acido alfa-linolenico a base vegetale (2,5 g / oz), magnesio e vitamina B6.

Gli anacardi sono un’ottima fonte di triptofano (ne contengono infatti per 100 grammi ben 400mg), amminoacido precursore della serotonina che da sempre è considerata l’ormone del buonumore.

Questi infatti aiutano ad assorbirle l’ormone a livello della corteccia celebrale, permettendo quindi di rilassarsi velocemente e dormire meglio anche durante la notte.

Attenzione però a non superare le dosi consigliate: ne abbiamo parlato abbondantemente nell’articolo “A quanto corrispondono 30 grammi di frutta secca al giorno? Facciamo chiarezza toccando con mano“.

Formaggio di anacardi alternativa vegana ricetta
Formaggio di anacardi (Foto di ViRusian AdobeStock)

Sempre meglio prediligere di mangiare la frutta secca come spuntino o merenda lontano dai pasti magari anche accompagnata da dello yogurt magro o greco per una carica super.