Antonella Clerici, la dieta del 5 dopo la menopausa. Come funziona

Con la supervisione della dottoressa Evelina Flachi la celebre conduttrice ha modificato il suo regime alimentare dopo l’arrivo della menopausa. Vediamo in cosa consiste. 

Antonella Clerici dieta del 5 come funziona
Antonella Clerici (Instagram)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Nonostante in tv appaia ancora bellissima e seducente, gli anni sono passati anche per Antonella Clerici e l’età anagrafica segna ormai 58 anni.

La conduttrice di Rai 1 come moltissime donne della sua età è entrata in menopausa e ha dovuto modificare la sua alimentazione per evitare complicanze legate al cambiamento ormonale repentino.

Menopausa non significa solo aumento del girovita ma anche un periodo di transizione in cui il corpo femminile subisce varie modifiche a seguito dei cambiamenti ormonali in atto e che andrebbe seguito anche per questo dal punto di vista psicologico e nutritivo.

Come deve evolvere l’alimentazione durante questa fase di transito in cui si è più fragili?

Ricordiamo che non si tratta di un problema unicamente di natura estatica, il grasso eccessivo accumulato in questo periodo è anche fattore di rischio per varie patologie, incluse quelle cardiovascolari.

Abbiamo già visto cosa mangiare in menopausa, alimenti in e out, però ora entriamo nel dettaglio e capiamo che cosa ha spiegato Antonella riguardo la dieta del 5 che le ha cambiato la vita.

Dieta del 5, esempio alimentare. Facciamo chiarezza

La conduttrice ha raccontato di aver preferito un regime alimentare controllato e integratori alle cure ormonali dopo la menopausa. Seguita dalla dottoressa e amica Evelina Flachi ha trovato la dieta giusta per lei. Ecco in cosa consiste.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Dieta essere sempre felici
Esempio dieta (Foto di Sydia Productions per AdobeStock)

Lo ha raccontato lei stessa nel corso di un’intervista rilasciata pochi giorni fa alla rivista Silhouette Donna a cui ha spiegato nel dettaglio la dieta del 5 che segue e come è sviluppata nel corso delle giornata.

Si chiama così perchè si basa sul concetto che i 5 pasti principali – colazione, spuntino, pranzo, spuntino, cena – non si debbano mai saltare per poter adottare uno stile di vita sano a partire anche dalla tavola.

Si parte da un buon pasto completo al mattino, non solo un caffè da consumare in piedi alla macchinetta di casa prima di andare a lavoro.

A questo va aggiunto che molti saltano anche il pranzo. Errore da evitare perché uno squilibrio alimentare prolungato nel tempo può avere un’influenza negativa sulle prestazioni fisiche e sull’efficacia mentale“. Spiega la dottoressa Evelina.

La dieta prevede un abbinamento alimentare che limita gli insaccati e carni conservate. Consiglia invece un consumo di pesce principalmente azzurro ricchissimo di omega-3 e omega-6.

A pranzo un primo piatto con verdure e la sera proteine (legumi, pesce) molti ortaggi e frutta di stagione. Sono aboliti i superalcolici, concesso mezzo bicchiere di vino rosso.

Fondamentale bere almeno due litri di acqua al giorno, vanno benissimo anche té e tisane senza zucchero. Meglio privilegiare le cotture semplici e l’uso di olio extravergine di oliva.

La dottoressa ha anche specificato quanto segue:

Iniziare sempre il pasto con la verdura, anche sotto forma di passati o creme e con un bicchiere d’acqua. Questo aiuta a sentirsi sazi e ha un effetto biochimico positivo perché agisce sugli ormoni della fame, regolandoli.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Antonella Clerici (@antoclerici)

Affidarsi ad un ottimo nutrizionista in grado di dirigere la dieta da assumere – comprensiva di dosaggi corretti ed eventuali integratori da assumere – è però la giusta scelta su cui puntare.

Evitare invece il fai da te per non incorrere in scelte sbagliate per la propria salute fisica ed il benessere psicologico.