Artrite: l’olio da cucina che allevia dolore e infiammazione

Artrite: l’olio da cucina che allevia dolore e infiammazione

di Ivana Tramontano

L’artrite può essere debilitante e influenzare il modo di vivere, ma attualmente non esiste una cura. C’è tuttavia una serie di trattamenti disponibili per alleviare i sintomi. Un modo naturale è apportare alcune modifiche a ciò che mangi: l’olio con cui cucini potrebbe fare un’enorme differenza.

L’artrite è una condizione comune che causa articolazioni dolorose e infiammate. Se da un lato non c’è cura, ci sono cose che puoi fare per alleviare il dolore e il disagio. È importante mangiare una dieta sana ed equilibrata se si dispone di artrite, in quanto mangiare in modo sano ti darà tutti i nutrienti di cui hai bisogno e può aiutarti a mantenere un peso sano. La vostra dieta dovrebbe consistere in una varietà di alimenti provenienti da tutti e cinque i gruppi di alimenti: frutta e verdura, cibi ricchi di amidi come pane, riso, patate e pasta, carne, pesce, uova e fagioli, latte e latticini e alimenti contenenti grasso e zucchero.

Quale olio è considerato il migliore per l’artrite? L’olio di avocado, ricco di grassi monoinsaturi, che possono ridurre le malattie cardiache e rischio di ictus. Secondo recenti studi l’olio di avocado ha un effetto antinfiammatorio. È anche una buona fonte di vitamina E, un antiossidante che ha dimostrato di aiutare ad alleviare i sintomi di artrite.

L’olio di oliva è ricco di grassi monoinsaturi e composti anti-infiammatori e antiossidanti, gli oli d’oliva sono tra i grassi meglio studiati, con molti benefici per la salute. Questo olio è ricco di acidi grassi polinsaturi, tra cui l’acido alfa-linoleico. Questi acidi grassi possono anche abbassare i livelli di proteina C-reattiva, una misura dell’infiammazione a livello del corpo.

L’esercizio regolare è anche raccomandato come cura naturale e, in particolare per l’artrite reumatoide, è stato dimostrato che il nuoto è il più utile. Funziona su tutti i tuoi gruppi muscolari e sviluppa la resistenza cardiovascolare.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post