Attenzione massima, evita di consumare queste uova: rischio elevato di salmonella

Richiamo alimentare per lotti di uova con il riscio di salmonella. Il pericolo di intossicazione è alto: non bisogna assolutamente consumarle. Ecco quali sono quelle contaminate.

richiamo alimentare uova
Richiamo alimentare uova Covap (foto CheCucino)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

  1. Quanto costa mangiare in un 3 stelle Michelin: incredibile quello che abbiamo scoperto
  2. Vite al Limite, te la ricordi? Ha realizzato il suo sogno più grande. Cosa fa oggi
  3. Ketchup, ecco il migliore secondo un test francese: contiene meno zucchero e sale

Allerta alimentare per quanto riguarda le uova. A segnalare il richiamo è il ministero della Salute specificando tutti i dettagli dei prodotti da non consumare.

Si tratta del pericolo di presenza di Salmonella enteritidis. Ad essere contaminate sono le uova fresche L e XL del marchio Copav.

L’azienda produttrice delle uova in questione è Avimarche e ha sede nello stabilimento di via Barocco 14, a Ostra Vetere (Ancona).

I lotti interessati e le date di scadenza

A seguito di un controllo a campione sulle feci delle galline ovaiole, eseguito da ASUR Area Vasta 2 è stato riscontrato il batterio ed è scattata la segnalazione che ha dato avvio al richiamo.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @haccpsystemgroup

 

Le uova Covap soggette al richiamo sono le L ed XL vendute in confezioni da 6 e riguardano i seguenti lotti:

  • 22420634AVI – 14/11/2022
  • 22420650AVi – 16/11/22
  • 22420655AVI – 17/11/22
  • 22430669AVI – 23/11/22
  • 22440674AVI – 27/11/22

L’azienda produttrice si rivolge ai consumatori raccomandando, nel caso in cui avessero acquistato le confezioni di uova contaminate a non consumare il prodotto e a riportare la confezione in  possesso al punto vendita in cui è stata acquistata.

Salmonella: cos’è e cosa provoca

La Salmonella enteriditis è è un batterio gram negativo che provoca la salmonellosi che si manifesta con le carattertistiche di un’intossicazione con sintomi quali nausea, vomito, diarrea e dolori addominali.

I sintomi solitamente si manifestano circa 12-36 ore dopo l’ingestione di alimenti in cui è presente il batterio e il decorso della malattia si protrae per circa una settimana. Nel caso di soggetti fragili o con deficit del sistema immunitario può svilupparsi in forma tale da richiedere il ricovero ospedaliero.

Gli alimenti generalmente soggetti al rischio di contaminazione da questo batterio oltre le uova crude o poco cotte e i prodotti derivati a base di uova, sono il latte crudo e i derivati a base di latte crudo, ma anche la carne poco cotta.

richiamo alimentare uova
Uova (Foto di Klaus Nielsen da Pexels)

Inoltre può riguardare anche la frutta e la verdura, in particolare angurie, pomodori, germogli di semi, meloni, insalata, sidro e succo d’arancia, che subiscono una contaminazione durante il taglio.