Attenzione a questo pesce: se lo hai comprato riportalo subito al supermarket!

Si tratta del secondo prodotto in poche ore bloccato dal Ministero per rischio microbiologico, attenzione massima. “Non compratelo!” si legge nella nota ufficiale uscita in Gazzetta.

Pesce vario bloccato rischio microbiologico dettagli
Pesce congelato (Foto di baltimorebeauty da Pixabay)

LE RICETTE PIU’ CLICCATE DI OGGI:

Nelle ultime ore sulla Gazzetta ufficiale del Ministero della Salute sono stati bloccati diversi prodotti per rischio microbiologico serio. Il primo è stato il Milk&Lait instant full cream milk powder venduto in barattolo da 400 grammi, ora invece è il turno di un alimento la cui OSA a nome del quale il prodotto è commercializzato è la medesima.

Si tratta di Alimenti dal Mondo-Italia Srl. Stessa anche la zona di produzione, Caserta (CE), anche se stavolta la sede dello stabilimento è via Felcio a Ruviano.

La denominazione di vendita è pesce gatto, sardine, stoccafisso, mazzancolle, pesce lucertola, tilapia, suro, umbrina venduti in buste di cellophan e vaschette di plastica.

Al posto del lotto di produzione e la data di scadenza ultima leggiamo un generico “varie”, assente anche il nome del produttore e il marchio di identificazione dello stabilimento/del produttore. Il marchio del prodotto invece è Mama Africa.

Anche stavolta quindi, come dicevamo, il motivo del ritiro è il medesimo:

Si legge infatti: “Alimento prodotto in stabilimento non riconosciuto e ritenuto non idoneo ai sensi del reg. 178/2002″. I consumatori sono pregati di non acquistarlo e se già in casa di riportarlo nel punto vendita più vicino per il cambio merce immediato anche senza scontrino fiscale come previsto dalla legge nazionale in materia.

Pericoli microbiologici negli alimenti, cosa si intende?

Abbiamo già parlato abbondantemente del pericolo microbiologico nel precedente articolo, ma è per tornare sull’argomento cerchiamo di tracciare i punti salienti anche qui in modo da diffondere una corretta comunicazione sul tema.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Controllo qualità di uno stabilimento
Controllo qualità di uno stabilimento (Foto di Ivan Traimak AdobeStock)

Nell’ambito della sicurezza alimentare per rischio microbiologico si intende la possibilità di contrarre malattie causate da batteri, virus e altri microrganismi patogeni ingeriti attraverso il consumo di alimenti.

Ricordiamo che tra i principali agenti patogeni si annoverano i Campylobacter, Salmonella, Listeria monocytogenes, Escherichia coli verocitotossici e Yersinia.

Ne esistono però anche di più pericolosi, tra questi ci sono i Clostridium botulinum, Norovirus, Toxoplasma, Vibrioni, Virus dell’epatite A e alcuni microrganismi produttori di tossine alimentari, come gli Stafilocchi coagulasi positivi.

Per questo motivo, per garantire la massima sicurezza alimentare, sia le autorità sanitarie (in primis il Ministero della Salute, poi le Regioni, Aziende Sanitarie Locali) ma anche gli operatori del settore alimentare (aziende produttrici, rivenditori) sono chiamati a svolgere attività di verifica delle condizioni igienico-sanitarie dei prodotti alimentari, degli ambienti di lavoro e delle attrezzature impiegate.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @haccpsystemgroup

Come già spiegato, quindi le malattie a trasmissione alimentare si distinguono in 3 tipi principali:

  • Infezioni, dovute all’ingestione di alimenti con parassiti, virus o batteri vivi;
  • Intossicazioni, quando si ingeriscono alimenti in cui ci sono tossine già formate da batteri (vivi oppure no);
  • Tossinfezioni, quando si ingeriscono batteri vivi che si moltiplicano all’interno dell’organismo producendo tossine e scorie.