Autogrill, cambia tutto per gli automobilisti: dopo 63 anni la rivoluzione

Sono un punto di sosta indispensabile per gli automobilisti in autostrada dove rifocillarsi dopo molte ore di viaggio, però dopo oltre 60 anni le cose potrebbero cambiare moltissimo per loro.

Autogrill addio sta per chiudere dopo 63 anni
Autogrill (Foto @ecodimilano.com)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Per molti automobilisti sono una vera salvezza durante i lunghissimi tragitti in autostrada, dove poter sostare e schiacciare un pisolino, ci si può lavare e mangiare grazie a prodotti fragranti che vengono spesso realizzati in loco.

Sono luoghi di ristoro che prendono il nome dell’azienda che li ha creati e al cui interno possiamo trovare anche giocattoli, libri, riviste e altri prodotti utili per chi si mette in viaggio.

Tutto questo però potrebbe sparire dopo oltre 60 anni, 63 per l’esattezza, anno della prima comparsa sulle strade italiane di questi angoli franchi di paradiso.

Potrebbero infatti chiudere gli Autogrill che da sempre hanno accompagnato i cittadini del Bel Paese durante le lunghe traversate autostradali. Qualcosa si è smosso a livello mondiale, in atto un accordo milionario tra i colossi dell’economia internazionale.

Autogrill, cosa succederà dopo la chiusura: i possibili risvolti

Sono da sempre una sorta di oasi nel deserto autostradale, fatto di ingorghi, lunghissime code e tempi morti, sonno e voglia di un cornetto appena alzati che addolcisce la giornata in divenire.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

brioche al cioccolato
Brioche calde al cioccolato (Foto di Amanda Hemphill da Pexels)

Sono una sorte di casa accogliente in autostrada, con sorrisi gentili e tanta Italia esposta lungo le pareti del locale. Eppure sta per finire tutto a quanto pare.

La società Autogrill ha infatti stipulato un accordo con Dufry, che prevede la creazione di un gruppo a livello mondiale di servizi per la ristorazione dedicata a tutti i viaggiatori.

Da quanto emerso nei giorni scorsi, pare che l’azionista di Autogrill, tale Edizione srl, holding della famiglia Benetton, consegnerà l’intera sua partecipazione (50,3%) in Autogrill a Dufry.

In questo modo diventerà azionista del nuovo gruppo che si andrà a creare mantenendo però una quota compresa tra il 20% e il 25%. Alessandro Benetton all’interno del Consiglio di Amministrazione continuerà a ricoprire il ruolo di Presidente Onorario mentre Gianmaria Tondato da Ruos sarà il Presidente Esecutivo di tutte le attività nordamericane.

E che ne sarà degli Autogrill così come sono stati concepiti finora? Probabile che la nuova società voglia dare un imprinting uniforme standardizzato a tutte la sue strutture ricettive acquistate in questi mesi.

Dovremmo però dire addio con buona probabilità alla loro natura tipicamente italiana, con rimandi ai prodotti regionali, le mille varietà di brioche calde e panini golosi e moltissimo altro.

Autogrill addio sta per chiudere dopo 63 anni
Sosta in Autogrill (Foto @repubblica.it)

Ovviamente con buona pace degli automobilisti che dovranno necessariamente adeguarsi. Sulla data ufficiale invece del turnover invece non ci sono ancora informazioni certe, si pensa che però si attuerà il cambiamento di struttura già a partire da inizio 2023.