Baccalà fritto in pastella, la ricetta di Natale tipica del Lazio

Baccalà fritto in pastella, un antipasto gustoso che non può mancare in tavola durante le festività natalizie. Ecco la ricetta tipica del Lazio.

Baccalà fritto in pastella ricetta natalizia
Baccalà fritto in pastella – foto Pinterest

Il baccalà fritto in pastella è una di quelle pietanze che nel Lazio non può assolutamente mancare in tavola nei giorni di Natale, in particolare per il cenone della Vigilia.

Nonostante il pesce, e in particolare il baccalà, non sia un cibo amato proprio da tutti, questo finger food accontenta davvero tutti con il suo gusto goloso e ricco.

Perfetto da mangiare ben caldo e appena fatto, il baccalà fritto è ottimo anche il giorno dopo e persino freddo, e credetemi, non ho ancora conosciuto nessuno in grado di resistergli!

Se volete scoprire di più su questa ricetta natalizia tipica del Lazio, andiamo a vedere insieme gli ingredienti e il procedimento per realizzarla.

Baccalà fritto in pastella, la ricetta

Ad oggi il baccalà fritto viene utilizzato anche in molto buffet come finger food. Buonissimo e goloso, nella tradizione laziale questo antipasto viene preparato per il cenone della Vigilia, e scaldato e mangiato anche il giorno dopo!

Baccalà fritto in pastella ricetta natalizia
Frittura del baccalà – foto Pinterest

INGREDIENTI (per 4 persone)

  • 600 gr di baccalà ammollato
  • 1 albume
  • 150 ml di birra
  • 100 gr di farina
  • Olio di arachidi per friggere
  • Sale q.b.

PROCEDIMENTO (durata circa 30 minuti)

Per preparare il nostro baccalà fritto iniziamo proprio lavando accuratamente quest’ultimo, per togliere eventuali residui di sale, pelle e lische.

Asciughiamolo poi per bene e tagliamolo a tocchetti, per poi tenerlo da parte.

Occupiamoci ora della pastella mettendo in una ciotola capiente la farina con la birra, e amalgamiamo fino ad ottenere un composto omogeno.

Dopodiché in un altra ciotola montiamo a neve l’albume e aggiungiamolo alla pastella, che si presenterà ora con una consistenza bella spumosa.

Scaldiamo ora in una pentola alta abbondante olio di arachidi e quando questo avrà raggiunto una temperatura di circa 180° friggiamo i nostri pezzi di baccalà, passandoli prima nella farina, poi nella pastella per poi metterli nell’olio bollente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> -3 kg prima di Natale: come perdere perso con la dieta del melagrana

Baccalà fritto in pastella ricetta natalizia
Baccalà fritto in pastella – foto Pinterest

Quando il baccalà risulta ben dorato, scoliamolo e lasciamolo sgocciolare bene su dei fogli di carta fritti, dopodiché serviamolo subito ben caldo!