Bambino figlio di una coppia vegana ricoverato d’urgenza per denutrizione

Bambino figlio di una coppia vegana ricoverato d’urgenza per denutrizione

LA PREPARAZIONE
di Marco

Il bambino, figlio di una coppia vegana, è stato ricoverato d’urgenza all’ospedale San Francesco di Nuoro: i medici parla di denutrizione

Bambino coppia vegana ospedale
Bambino figlio di una coppia vegana ricoverato per denutrizione

Si trova ricoverato all’ospedale San Francesco di Nuoro il bambino di due anni, figlio di una coppia di vegani, per un’emergenza dovuta ad uno stato pericoloso di denutrizione. Al momento, i medici dicono che non si trova in pericolo di vita, ma le sue condizioni di salute restano gravissime. Il piccolo sembrava molto magro e ‘pigro’ nei movimenti. Stando a quanto emerge il bambino non aveva proprio le forze necessarie a muoversi. Per il momento, lo staff medico dell’ospedale nuorese ha escluso la presenza di malattie stando alle analisi del sangue che hanno appena effettuato. Si può, dunque, pensare soltanto ad una cattiva alimentazione.

Bambino di due anni, figlio di una coppia vegana, ricoverato in gravissime condizioni

L’alimentazione è molto importante per i bambini. E, talvolta, non solo per loro. Anche per gli adulti può essere determinante e delle scelte così drastiche come il diventare vegani possono essere molto pericolose. A questo bambino, una nutrizione così errata, sarebbe potuta costare la vita. Al momento, però, i medici scongiurano qualunque tipo di complicazione dal punto di vista della salute del piccolo. Si trova, infatti, ricoverato in ospedale e sotto stretta osservazione. Lo staff medico della struttura ospedaliera si è mostrato più che disponibile per curarlo nel reparto di Pediatria per rimetterlo in forze nel più breve tempo possibile. I medici parlano di una mancata o insufficiente assunzione di proteine nella fase dello sviluppo del corpo e delle principali funzioni vitali. Inoltre, il personale vuole assolutamente consegnare una dieta da far seguire al bambino ai suoi genitori una volta che verrà dimesso. Così da non far capitare mai più episodi del genere. Insomma, una brutta situazione che sarebbe potuta degenerare da un momento all’altro. Per fortuna, l’intervento dei medici è stato tempestivo e più che efficace.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post