Bere caffè non rovina il sonno: fumo e alcol causano notti…

Bere caffè non rovina il sonno: fumo e alcol causano notti insonni

di Ivana Tramontano

Se vuoi dormire tranquillamente il caffè non è un problema secondo una nuova ricerca americana.

Secondo un nuovo studio sorprendente bere alcolici entro quattro ore dal sonno ha molte più probabilità di interrompere il sonno rispetto alla caffeina. La nicotina, che si tratti di fumare sigarette o svapare, era ancora più fortemente associata all’insonnia, in particolare se svapata o fumata la sera. Per quanto riguarda il caffè, i ricercatori della Florida Atlantic University, di Harvard, di Emory e del Mississippi Medical Center non hanno trovato alcun legame significativo con l’insonnia.

Lo studio, che ha seguito 785 afroamericani per 14 anni, è particolarmente illuminante per gli afroamericani, che soffrono in modo sproporzionato di insonnia, apnea notturna e altri disturbi legati al sonno rispetto ad altri. La ricerca è uno dei più grandi studi longitudinali su come l’alcol, la caffeina e il fumo durante la notte influiscono sul sonno.

Nessuna delle persone nello studio soffriva di disturbi clinici del sonno. Ad ogni persona è stato dato un sensore da polso per monitorare il sonno, nonché un diario per annotare come dormivano, come si sentivano e cosa mangiavano, fumavano o bevevano di notte. Anche dopo aver controllato altri fattori che potrebbero influenzare il loro sonno – come l’età, il sesso, se sono obesi, se hanno lavoro o a scuola il giorno successivo, se sono depressi, ansiosi, stressati – la caffeina ha davvero un impatto limitato sul sonno .

Dopo aver bevuto, venivano regolarmente segnalate notti insonni, spesso dopo un aperitivo, ma più comunemente se la persona beveva più vicino al momento di coricarsi. Niente rispetto alla nicotina, però. Coloro che svapavano o fumavano tendevano a dormire, in media, 43 minuti in meno rispetto ai loro omologhi non fumatori.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post