Bere tè bollente aumenta il rischio di cancro all’esofago

Bere tè bollente aumenta il rischio di cancro all’esofago

di Ivana Tramontano

Bere tè o caffè bollenti potrebbe più che raddoppiare il rischio di sviluppare il cancro, secondo una ricerca condotta dall’Università di Tehran.

Le persone che consumano regolarmente il tè a 60° C o ad una temperatura superiore vedono aumentare il rischio di tumore alla gola del 90%. Ma lasciare raffreddare una tazza di tè appena bollito per diversi minuti prima di berla potrebbe essere d’aiuto.

Lo studio, condotto dall’università Tehran di Scienze mediche in Iran , si aggiunge a una serie di ricerche che collegano le bevande calde alla malattia. Ma questa è il primo studio su larga scala che ha seguito le persone per molto tempo. Il cancro all’esofago è l’ottava causa più comune di cancro in tutto il mondo e una delle principali cause di morte per cancro.

I ricercatori hanno affermato che le loro scoperte basate sul tè si applicano ad altre bevande calde, tra cui caffè o cioccolata calda. Lo studio ha esaminato le abitudini di consumo di 50.045 persone di età compresa tra i 40 e i 75 anni che vivevano nel nord-est dell’Iran. Durante un periodo di follow-up dal 2004 al 2017, sono stati identificati 317 nuovi casi di cancro all’esofago. Il rischio di carcinoma esofageo è aumentato a 2,4 volte tra coloro che lo bevevano regolarmente a 75° C.

I ricercatori, guidati dal dott. Farhad Islami, hanno affermato che i risultati “rafforzano sostanzialmente” le prove esistenti tra le bevande calde e il cancro all’esofago. Diversi meccanismi potrebbero spiegare come l’assunzione di bevande calde potrebbe portare al cancro dell’esofago, hanno affermato i ricercatori. Il calore potrebbe danneggiare l’esofago portando a infiammazione, che potrebbe danneggiare il DNA e agevolare il percorso delle sostanze cancerogene.

Potrebbe anche compromettere la sua capacità di agire come barriera alle tossine dannose dall’alcool e del fumo. Il tumore esofageo colpisce principalmente le persone di età compresa tra 60 e 70 anni ed è più comune negli uomini rispetto alle donne. Il dott. Islami ha dichiarato: “A nostra conoscenza, questo è l’unico studio prospettico su larga scala al mondo in cui la temperatura effettiva del tè è stata misurata da personale addestrato. Potrebbe quindi essere una misura ragionevole di sanità pubblica estrapolare questi risultati a tutti i tipi di bevande e consigliare al pubblico di aspettare che le bevande si raffreddino a meno di 60° C prima del consumo”.

Nel 2016, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) – un’agenzia per il cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità – ha classificato come probabile cancerogeno bere bevande molto calde sopra i 65° C. In Cina, Iran, Turchia e Sud America il tè viene tradizionalmente bevuto molto caldo a circa 70 ° C. Ricerche precedenti hanno suggerito di aspettare almeno quattro minuti prima di bere una tazza di tè appena bollito o, più in generale, di lasciar raffreddare cibi e bevande da “bollenti” a “tollerabili” prima di deglutire.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post