Bere tè nero (e verde) tre volte la settimana allunga la vita: ecco perché

Un team di ricerca guidato da scienziati dall’Accademia cinese delle Scienze Mediche ha dimostrato che bere tè (almeno) tre volte a settimana fa benissimo. I benefici maggiori sono offerti dal tè verde e nero consumato per un lungo periodo.

Tè verde elisir lunga vita motivi
Tè verde (Foto di Pexels da Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Ci sono molte credenza sul tè, che sia un cibo che mette in comunicazione i vivi con l’aldilà, che possa purificare l’anima. Oppure anche che aiuti a rigenerare il corpo dopo un lungo momento di malattia e debolezza.

Una su tutte però è vera, ovvero che il è un vero toccasana per il benessere psico-fisico e un elisir di lunga vita che permette, a chi lo assapora con continuità e dedizione, di vivere lungamente e nel pieno delle forze.

Questa correlazione è stata dimostrata da un team di ricerca guidato da scienziati dall’Accademia cinese delle Scienze Mediche e del Peking Union Medical College.

La collaborazione è stata avviata con i colleghi del Dipartimento di Cardiologia presso l’Ospedale Kailuan, del Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie del Sichuan e della Scuola Medica di Nanchino.

Questi hanno sentenziato che bere tè (almeno) tre volte a settimana riduce il rischio di infarto e ictus non solo nei soggetti anziani ma anche in quelli più giovani come cura preventiva.

Inoltre i benefici maggiori sono offerti dal tè verde rispetto al classico scuro. Questo è stato confermato anche dall’European society of cardiology a Barcellona, che ha condotto uno studio diretto sul campo su un campione di 131.401 persone tra i 18 e i 95 anni.

Ma cosa è emerso di così rilevante? Perchè il tè dovrebbe sempre campeggiare sulle nostre tavole soprattutto la mattina?

Bere tè riduce i rischi di malattie di origine cardiovascolare, facciamo chiarezza

I ricercatori di Barcellona che hanno messo a confronto un campione di persone che consumavano caffè ed altre tè, hanno evidenziato che gli effetti benefici del secondo erano oltremodo rilevanti da subito.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

tisane per dormire
Tè caldo (Foto da pexels di miriam-alonso)

Bere tè abbassa il rischio di mortalità cardiovascolare“, hanno spiegato i ricercatori. “Infatti quando abbiamo esteso la nostra analisi abbiamo scoperto che il tè ha continuato a ridurre la mortalità generale durante un periodo di 6 anni“.

Questo perché, secondo i ricercatori, il tè conterrebbe antiossidanti che possono avere benefici sulla salute e perché i bevitori di tè tendono ad avere stili di vita più sani.

Nel primo studio cinese invece, il dottor Xinyan Wang del Dipartimento di Epidemiologia dell’accademia cinese e il professor Dongfeng Gu assieme alla loro squadra, hanno analizzato statisticamente i dati di oltre 100mila persone coinvolte nello studio China-PAR.

Dai dati incrociati è emerso che i bevitori di tè almeno 3 volte la settimana avevano un rischio ridotto del -20% di sviluppare malattie cardiovascolari come ictus e infarto. Del -22% di morire a causa di eventi cardiovascolari fatali.

Questo perchè il tè verde è una fonte ricca di antiossidanti, quindi ottimo alleato per prevenire le malattie croniche e i problemi d’invecchiamento precoce della pelle.

Inoltre una tazza di tè verde al giorno aiuta a depurare il fegato e ne garantisce il corretto funzionamento. Aiuta infatti a prevenire danni causati da sostanze tossiche come l’alcol e previene le infiammazioni.

Ha anche un effetto lassativo che aiuta a prevenire e a combattere la stitichezza eliminando quindi il gonfiore addominale e altri problemi digestivi.

I dolori al petto inflitti da ictus o infarto
I dolori al petto inflitti da ictus o infarto (Pexels da Pixabay)

Inoltre, non è poco, questa bevanda attiva il metabolismo permettendo al corpo di bruciare più calorie consentendo una buona salute allo stesso tempo del cuore e le arterie impegnate a scomporre cibo e grassi.