Bimbo palermitano muore a Sharm, gravissimo il padre: cosa hanno mangiato

Lo zio materno racconta che il bimbo di 6 anni è deceduto “in appena 36 ore” e che i suoi parenti “sono stati colti da malore improvviso“. Ci vorranno però mesi prima di capire cosa è accaduto realmente. 

13enne muove shock anafilattico panino salame
Ospedale sala degenza (Pexels)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Si tratta di un giallo vero e proprio alla Agatha Christie che richiederà non pochi accertamenti prima di avere una risposta definita su quanto accaduto alla famiglia palermitana nelle scorse ore.

Come moltissime famiglie italiane, anche loro erano partiti per le ferie estive il 26 giugno ed avevano scelto per quindici giorni Sharm el-Sheik ma la vacanza si è trasformata in un incubo.

Poche ore fa l’Ansa infatti ha dato la notizia che Andrea Mirabile di soli 6 anni è morto pare a causa di un’intossicazione alimentare, mentre Antonio, il padre di 46 anni e dipendente Anas, è ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale.

La magistratura italiana ha aperto immediatamente una indagine. Ha fatto sapere che l’autopsia al bambino è stata già effettuata, ma probabilmente serviranno molte settimane per capire realmente cosa è accaduto, anche colpa delle tempistiche dilatate del Paese egiziano in cui si trovavano.

Andrea Mirabile muore a Sharm el-Sheik: cos’è successo davvero?

In vacanza c’era anche mamma Rosalia Manosperti, incinta di 4 mesi ma lei a differenza del figlio di 6 anni e del marito non si è sentita così male, probabilmente perchè ha mangiato molto meno di loro due, attenta anche per via della gravidanza in corso alle sostanze assunte.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Caffè freddo mal di stomaco effetti
Mal di stomaco (Foto di Martin Büdenbender da Pixabay)

La vicenda si è svolta venerdì scorso (1 luglio) ma solo ieri è arrivata alla stampa italiana a seguito della morte del piccolo Andrea. Al momento a raccontare tutto è stato solo il fratello di Rosalia, Roberto Manosperti, che spiega come tutti abbiamo “vomitato continuamente subito dopo aver mangiato“.

Il bimbo stava malissimo – prosegue Roberto. “Mio cognato pensava che avesse ingerito acqua in piscina. Ma non poteva essere solo quello“.

Lo zio spiega che si recano prima alla guardia medica vicina dove fanno prima una flebo a tutti e poi danno alcune pillole per possibile intossicazione alimentare.

I miei familiari sono tornati in camera continuando a vomitare, e così anche il sabato mattina. I sintomi non passavano. Così hanno richiamato il medico, che gli ha detto di ripassare nel pomeriggio“.

La situazione si aggravava però, nessun miglioramento per tutti. Chiamano l’ambulanza e vanno tutti in ospedale, Andrea arriva lì disidratato e stremato.

Sempre Roberto confessa che “mio nipote era gravissimo. Abbiamo saputo che, nonostante un’ora di tentativi di rianimazione, non c’è stato nulla da fare. Mio cognato è giunto invece in ospedale privo di sensi, con sintomi di inizio di blocco renale, con rene ingrossato, problemi respiratori e l’ossigenazione all’80%“.

Il piccolo è morto dopo 36 ore dal primo malore, anche la terapia intensiva non è servita per lui. “Purtroppo le notizie sono poche e non si ha un bollettino medico” – racconta sempre lo zio.

I medici sono restii a inviare i referti, visto che c’è di mezzo l’assicurazione. Escludono però l’avvelenamento“. Solo le analisi ulteriori daranno le risposte che tutti stanno aspettando.

Mamma Rosalia ora sta meglio ma non può tornare in Italia. È intervenuta prontamente anche la Farnesina, il Consolato italiano e l’Ambasciata italiana in Egitto che hanno fatto sapere che non appena la famiglia starà meglio potrà tornare in Italia a spese dello Stato.

Sharm el Sheik bimbo 6 anni muore intossicazione alimentare
Sharm el Sheik (Foto dal web)

Anche il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla, in una nota pubblica fatta arrivare alla stampa ha espresso il suo dolore per i suoi concittadini e si augura di averli presto a casa per poter metabolizzare il dolore della perdita accanto ai familiari più stretti.