Biscotti all’anice, il sapore vintage che piace sempre. Ricetta facile delle nonne

Hanno un sapore antico, i biscotti all’anice sono però sempre attuali. Ottimi fin dalla colazione, sono buoni da intingere e si preparano molto facilmente. Il profumo è unico e inconfondibile.

biscotti anice ricetta
Biscotti all’anice (Pinterest -vasavakitchen.com)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

  1. Lasagna con funghi e porri, provala nella versione interamente vegetale, è squisita!
  2. Il risotto porri e rosmarino di Benedetta Parodi: questo è il segreto della cremosità
  3. Insetti nella pasta, polemica assurda: l’azienda corre ai ripari

I biscotti all’anice fanno parte della pasticceria tradizionale e rimandano a tempi passati in cui erano davvero molto di moda.

Sono biscotti di origine abruzzese, molto semplici e dall’aspetto rustico ed essenziale. L’impasto è fatto con i comuni ingredienti e quello che li caratterizza è la profumazione di anice, intensa e spiccata.

Si tratta di biscottoni molto adatti da mangiare a colazione perché si prestano bene ad essere intinti nel latte, ma anche a merenda o per l’ora del tè sono veramente perfetti.

Diffusi in tutta Italia, questi biscotti, con una consistenza friabile ma non troppo, spessi e tagliati grossolanamente, nei decenni centrali del Novecento hanno trovato il periodo del loro massimo successo per cui adesso possiamo benissimo considerarli un dolce vintage, da scoprire o riscoprire.

Per chi ama il gusto particolare di questa pianta erbacea, l’anice, da cui si ricavano i semi che poi vengono usati per profumare rilasciando anche le loro proprietà, sono una scelta che piace molto.

L’anice chiamato “comune” viene spesso confuso con l’anice stellato, ma sono due cose differenti non solo nell’aspetto ma anche nell’aroma pur avendo qualche similitudine.

Esiste anche l’anice pepato, ma anche questo è diverso. È possibile acquistare i semi di anice nei supermercati o negozi più forniti sia fisici che online.

Ingredienti e preparazione dei biscotti all’anice

Ottimi anche come dolcetto del dopocena, questi biscotti sono spesso assaporati insieme ad un vino liquoroso. Si conservano bene per diversi giorni, anche più di una settimana dentro una scatola di latta o un contenitore ben chiuso.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

biscotti anice ricetta
Semi di anice (Pinetrest – simplyrecipes.com)

INGREDIENTI

  • 200 g di farina 00
  • 50 g di fecola di patate
  • 1 uovo intero
  • 120 g di zucchero semolato
  • 120 g di burro
  • 10 g di semi di anice
  • 1 pizzico di sale
  • Scorza di 1 arancia
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci

PREPARAZIONE (25 minuti + 2 h di riposo)

Per iniziare questa preparazione prendere una ciotola e versare gli ingredienti secchi, quindi la farina insieme alla fecola, lo zucchero, il lievito e il pizzico di sale.

Poi unire gli aromi quindi i semi di anice e la scorza grattugiata dell’arancia. Aggiungere anche il burro tagliato a pezzettini e l’uovo e impastare.

Lavorare l’impasto con le mani fino a quando diventa omogeneo e compatto. Poi, avvolgerlo nella pellicola per alimenti e lasciarlo riposare in frigorifero per 2 ore circa.

Trascorso questo tempo disporre l’impasto su un piano di lavoro leggermente infarinato e procedere a stenderlo con il mattarello. 

Formare prima un rettangolo, poi dividerlo in 3 rettangoli più piccoli e con un taglia pasta ricavare dei bastoncini di circa 1 cm di spessore.

A questo punto non resta che sistemarli in una teglia ricoperta di carta da forno e cuocerli in modalità preriscaldata statica a 180° per 15 minuti circa.

biscotti anice ricetta
Impastare (Foto di Katerina Holmes da Pexels)

Quando sono pronti adagiarli su una gratella per farli raffreddare e poi mangiarli freddi quando hanno assunto la loro consistenza definitiva.