Biscotti fatti in casa: l’ingrediente “segreto” che non ti aspetti

0
148
biscotti secchi
Foto di Free-Photos da Pixabay

Biscotti fatti in casa: ecco l’ingrediente “segreto” usato dai professionisti che forse non ti aspetti

Ah, i biscotti. L’autunno è ufficialmente arrivato e di conseguenza anche la stagione di torte e soprattutto biscotti. Dei dolcetti croccanti, profumati, di tantissime tipologie e varietà, riempiono le nostre dispense per la colazione ma anche per un’ottima merenda. Fanno proprio impazzire tutti, soprattutto i bimbi! Ogni tanto però, capita che i biscotti che facciamo in casa non rispettano le nostre aspettative: troppo cotti, bruciati, crudi all’interno. Oggi vi sveliamo qualche segreto per fare dei biscotti a regola d’arte, come dei veri professionisti!

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Biscotti morbidi al pistacchio, ecco l’ingrediente che li renderà irresistibili

 

L’ingrediente segreto per biscotti friabili e croccanti

biscotti da pasticceria
Foto di RitaE da Pixabay

 

Una delle prime regole per ottenere dei biscotti a regola d’arte è la scelta degli ingredienti. Più saranno freschi, più i nostri biscotti avranno un sapore genuino. Scegliamo per tanto uova e latte freschissimi, farine gentili e leggere, burro di qualità. Farli in planetaria va benissimo, ma impastarli con le proprie mani darà quella porosità e caratteristica che li differisce dai classici industriali. La prima cosa da ricordare bene è “il freddo”: uova e burro devono essere ben freddi, sarà quello a rendere i nostri dolcetti friabili e leggeri. Impastiamo con leggerezza, solo con i polpastrelli in modo da non scaldare  l’impasto con il calore delle mani. Se si scalda, il burro si slega ed in cottura non terrà la forma data al nostro dolcetto. Bisogna essere dolci, senza stressare eccessivamente il panetto che otteniamo.

Ciò che rende i biscotti fatti in casa perfetti è il lievito giusto: per un risultato professionale, lasciamo stare i classici lieviti per dolci. Il segreto sta nell’utilizzare il cremor tartaro, tecnicamente chiamato bitartrato di potassio, si ricava dalla distillazione del vino. Basterà unire due cucchiaini di cremor tartaro ed uno di bicarbonato ed il gioco è fatto. Avrete dei biscotti eccezionali.

Un altro trucchetto, sta nel far riposare l’impasto in frigorifero, così che ogni ingrediente si stabilizzi e si leghi. Bisogna riporlo in frigo almeno una ventina di minuti. Passato il tempo, è importante stenderlo con cura,lentamente e senza infarinare troppo il piano da lavoro, la farina in eccesso asciugherebbe in cottura il biscotto rendendolo secco. Scegliamo le forme giuste, non troppo grosse, ma neppure troppo sottili. Per ultimo la cottura: sapete perché si chiama biscotto? Perché il tempo di cottura è raddoppiato: per biscotti più morbidi cuociamoli a 180°, forno statico per 8 minuti, per biscotti più croccanti, 15 minuti. Divertitevi a fare i vostri biscotti preferiti con questi piccoli trucchetti!