Boom di funghi porcini in Italia. Dove andare per fare una scorpacciata di Estatini e Rossi

La stagione dei funghi porcini è iniziata e ogni zona della nostra Penisola ha delle aree molto più quotate proprio per la loro crescita. Vediamo la mappa delle zone dove andare a fare una bella raccolta di funghi questa primavera. 

Funghi freschi
Funghi (Foto di emmi da Adobe Stock)

I PEZZI PIU’ LETTI DI OGGI:

In molte zone d’Italia l’attesa è finita e si stanno iniziando a fare i primi ritrovamenti delle due varietà di funghi Porcini tipici della stagione primaverile, ovvero i Porcini Rossa Pinicola (Boletus pinophilus) ed  i Porcini Estatini (Boletus reticulatus / B. aestivalis) conosciuto anche come “Fioroni“.

Peccato che quest’anno a causa delle piogge poco uniformi sul territorio nazionale ed il forte vento che ha spostato le nubi e l’umidità in modo molto veloce, non si è formato ovunque quel sottobosco necessario per la crescita e lo sviluppo dei funghi Porcini.

Esistono zone però più quotate di altre, in cui gli appassionati di funghi possono recarsi con sicurezza nella speranza di trovare un prodotto rigoglioso nel pieno della crescita.

Vediamo regione per regione tutte le aree migliori, il meteo funghi ha subito diverse fratture lungo lo stivale. Facciamo chiarezza sul tema affidandoci al semaforo della rivista online funghimagazine.it.

Meteo funghi, dove stanno nascendo in Italia oggi

Spostandoci in lungo e largo per lo stivale, ci possiamo accorgere che la produzione/crescita dei Porcini è davvero molto frastagliata. La Valle D’Aosta ha visto pochissime piogge negli ultimi mesi, quindi, Al momento, non si può parlare ancora di nascite degne di nota.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

ricette sfiziose con funghi
Funghi puliti (foto da pexels di kampus-production)

Diversamente, “Si raccolgono Porcini rossi-Pinicola in quota, sia in Piemonte che in Liguria, là dove fa ancora più fresco mentre, nei boschi misti al di sotto dei 900 metri, si iniziano a fare buoni ritrovamenti anche di Porcini Estatini“.

In pole-position ci sono le vallate intorno a Torino e a Cuneo che, dopo aver sofferto la siccità per oltre un anno intero, ora stanno tornando alla riscossa, sia sui settori ovest che su quelli sud di confine con le province di Imperia e di Savona. Ottima anche la raccolta nell’alto Bormida.

Disastro totale per le pianure lombarde che, avendo patito grave siccità per tutto l’inverno, vedono i Querco-Carpineti per lo più improduttivi o con piccolissimi cenni di poche nascite“.

In Triveneto le cose sono migliori in quanto dopo le scarse nascite dello scorso anno, finalmente i boschi di Castagno o misti (ma a prevalenza di Castagno-Quercia), stanno alla fine regalando bei raccolti di Porcini Estatini. Ottime nascite quindi nel Vicentino e Veronese nello specifico sui colli Euganei ed in Lessinia.

Al momento si registrano scarse nascite al confine tra Emilia e Liguria-Toscana, “non sono previste impennate a breve, forse qualche cenno in più di nascite a breve tra Lunigiana e Garfagnana-Cento Laghi-Pratomagno“.

Nel Centro Italia grazie alle piogge degli ultimi mesi si trovano Porcini solamente sui settori Abruzzesi di Sudest, alto-Chietino. Al Sud invece discrete nascite di Porcini Estatini tra Campania-Basilicata-Calabria e localmente anche in Puglia.

Dieta funghi -3 kg due settimane
Funghi nel sottobosco (foto di josch13 per Pixabay)

La fine del mese di maggio dovrebbe portare ulteriori nascite in queste regioni ma, qua e là gli Estatini sono già quasi adulti, il che fa supporre che la buttata è prossima al capolinea“. Dovrebbe iniziare ora invece in Sicilia e nella Locride in Calabria.