Bottiglie di spumante: esiste la scadenza?

Bottiglie di spumante: esiste la scadenza?

In questi giorni di festa si stappano milioni di bottiglie di spumante. Ma vi siete mai chiesti se lo spumante ha una scadenza?

In molti si chiedono se una bottiglia di spumante conservata integramente da qualche anno sia ancora bevibile o meno. In teoria esiste un periodo massimo di conservazione, entro il quale esso va consumato, per gustare un prodotto conforme agli standard di qualità e di gusto. Gli spumanti dolci e aromatici, come possono esserlo l’Asti o il Brachetto, possono essere conservati per un tempo massimo di un anno dal loro imbottigliamento. Invece, gli spumanti brut, come ad esempio il Prosecco, possono essere conservati per due anni. Uno spumante lavorato con metodo classico, invece, può essere conservato anche per quattro anni.

Ovviamente la bottiglia di spumante deve essere conservata secondo le indicazioni solitamente riportate sull’etichetta, riguardanti temperatura, luce e umidità. Ma se avete una bottiglia conservata da tempo, oltre il periodo suddetto, non dovete preoccuparvi, perché lo spumante non è un prodotto facilmente deperibile: infatti le anidridi contribuiscono ad eliminare eventuali parassiti. Tutto sta infatti nella maniera in cui si è conservata tale bottiglia.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post