Breaking news per Simone Rugiati: lo chef spoilera tutto, non si trattiene. L’ha combinata grossa

Prosegue nel 2022 la collaborazione tra Bord Bia, l’ente governativo dedicato allo sviluppo dei mercati alimentari irlandese e lo chef toscano.

Simone Rugiati ambasciatore 2022 Board Bia
Simone Rugiati (Foto Instagram)

Sì, avete letto bene. Lo chef Simone Rugiati per il secondo anno consecutivo è stato nominato ambasciatore per un importante progetto che vede unite Italia e Irlanda.

Nella foto pubblicata nel suo ultimo post Instagram tiene in mano grandi costolette di carne pronte per essere cucinare alla brace ed un sorriso a 36 denti che racconta la sua grande felicità per la nomina appena confermata anche per il 2022.

Lo chef toscano è sempre stato molto attento alla sostenibilità ambientale senza parlare dell’attenzione alle materie prime che lui utilizza sempre con grande parsimonia e rispetto per la filiera produttiva che le ha messe in commercio.

La stessa cura sembra essersi materializzata anche verso la carne irlandese fatta conoscere ed esportata da Bord Bia, l’ente governativo dedicato allo sviluppo dei mercati di esportazione dei prodotti alimentari irlandesi.

Proprio quest’organizzazione ha desiderato ardentemente reinserire ancora Rugiati, nei suoi canali visto il grande appeal che il cuoco ha in tv e sui canali social dove è seguito da 536mila followers. Sentiamo le parole espresse direttamente da lui una volta appresa la notizia fortunata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> “L’Italia a Morsi al Ristorante”, arriva a Burano. Simone Rugiati scopre le eccellenze food del territorio – VIDEO

Simone Rugiati è ancora ambassador per l’Italia della carne irlandese

Lo chef volto noto di “Cuochi e Fiamme” e “Food Advisor” si conferma per il secondo anno consecutivo Ambassador della carne irlandese per l’Italia.

Benedetta Rossi docet marinatura maiale ricetta
Costolette appena tagliate (foto Tomas Garcia AdobeStock)

Simone Rugiati ha così commentato su Instagram la riconferma: “Sono davvero felice di estendere questa collaborazione: ho sempre sostenuto che la materia prima è fondamentale e in questo caso la qualità è davvero eccezionale”.

“La storia che si cela dietro a questi prodotti è tutta da scoprire e li valorizzerò sempre di più attraverso nuove ricette, rispettandone il gusto e caratteristiche, perché ormai lo sappiamo: è Buona per Natura!”.

Mentre l’anno scorso erano coinvolti solo i profili social dello chef, quest’anno invece ci sarà un’ulteriore passo avanti nella campagna di sensibilizzazione della materia prima.

Rugiati infatti impegnato in attività di media relation, eventi e call to action che lo metteranno a dura prova nella manipolazione di questo prodotto di vera eccellenza gastronomica amatissima in tutto il mondo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Simone Rugiati (@simonerugiati) 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Venezia, dove mangiare le migliori frittelle (fritole) di Carnevale. Gli indirizzi imperdibili

La carne proveniente da allevamenti irlandesi infatti è prodotta con tecniche all’avanguardia, un’attenzione particolare al benessere degli animali dalla fattoria fino alla macellazione. Senza dimenticare l’alimentazione super attenta alle esigenze e rispondente al cosiddetto ‘Grass Fed’.

In questo caso infatti gli animali sono allevati al pascolo e si nutrono prevalentemente di erba fresca, che poi si traduce in carne e latte più proteico e profumato. Chissà cosa combinerà quindi Rugiati nei prossimi mesi? Siamo tutti pronti a scoprirlo!