Crazy Pizza, Briatore: “I poveri non creano posti di lavoro”. È polemica aperta sui social

L’imprenditore sul suo profilo Ig ha pubblicato un estratto di un’intervista svolta con mediawebchannel.it, i fan e gli haters si sono divisi anche stavolta. 

Crazy Pizza, Briatore: "I poveri non creano posti di lavoro". È polemica aperta sui social
Briatore (Instagram)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Prosegue sul web ed in tv il caso più impegnativo del mese, ovvero quello della scelta imprenditoriale di Flavio Briatore di proporre nei suoi locali prezzi ben oltre la media nazionale giustificato dalla scelta delle materie prime pregiate.

Abbiamo già spiegato il suo punto di vista nell’articolo “Una pizza 65 euro, è il locale di un super vip: “Prezzi insostenibili”, in cui l’imprenditore racconta come secondo lui il prezzo è proporzionato “al servizio, alla qualità, all’energia che c’è nel locale e al modo in cui il cliente viene trattato”.

Stavolta per è stata rincarata la dose rispetto due mesi fa quando tutta la polemica ebbe inizio. Pochi giorni fa infatti l’imprenditore ha pubblicato un estratto di un’ontervista svolta con mediawebchannel.it, i fan e gli haters si sono divisi anche stavolta.

Caso Briatore, il web si divide: lavoratori sì-lavoratori no?

Sotto al post tantissimi i commenti di apprezzamento per quello che lui cerca di spiegare per l’ennesima volta, tra questo quello di Sonia Bruganelli e di Giuliana Nati.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Flavio Briatore contro pizzaioli napoletani critiche accese
Flavio Briatore (Instagram)

Peccato che però ci siano moltissimi altri commenti che proprio non ci stanno a dare ragione Briatore. Troppo pesanti ed incoerenti le sue parole per dargli ragione stavolta.

Sentiamo infatti il proprietario di Crazy Pizza dire:

Non hanno capito che chi crea ricchezza sono le aziende, gli investimenti. Io non ho mai visto un povero creare posti di lavoro.

L’intervista rilasciata a Mediaweb Channel voleva porre l’accento sulle difficoltà degli imprenditori in Italia ma ha scatena l’ennesima polemica suo social.

Ricchi cosa vuol dire? Il ricco non è uno che va in barca ai Caraibi, il ricco investe sempre, continua a investire. Noi siamo partiti con 10 milioni di fatturato, ora fatturiamo 140 milioni. Abbiamo 1500 dipendenti. Invece di ringraziarti ti rompono anche il ca…“.

Prova as piegare che l’attuale mondo del lavoro è in recessione e che anche i prezzi vanno al rialzo ma che nonostante questo ancora molti ragazzi non accettano di lavorare da lui nel fine settimana perchè vogliono più tempo libero.

A suo dire molti ragazzi cercano lavoro e poi “sperano quasi di non trovarlo. Lo vedo chiaramente: preferiscono il reddito di cittadinanza a un percorso di carriera.

Quest’ultima affermazione deve aver fatto arrabbiare molto lo scrittore Sandro Bonvissuto che ha risposto subito tra i commenti con una frase diretta e oltremodo incriminante:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Flavio Briatore (@briatoreflavio)

(…) L’idea che si debba lavorare comunque anche con uno stipendio ridicolo altrimenti sei un fancazzista è un’idea fortemente oscurantista e conservatrice. E prendersela col reddito di cittadinanza è una cosa reazionaria“.

Finirà mai questa storia?