Bunet: Benedetta Parodi prepara il dolce tipico della sua terra

Specialità tradizionale della pasticceria piemontese, il bunet è un dolce raffinato che Benedetta Parodi prepara come esperta dei dolci tipici della sua terra. Ecco tutto quello che c’è da sapere su come realizzarlo con i suoi preziosi consigli.

bunet piemontese ricetta Benedetta Parodi
Bunet piemontese (Pinterest – latarmaison.it)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

  1. Mai provato il pane in padella? Morbido, si fa con il bicarbonato, è facile e veloce
  2. Crostata con ricotta e crema di nocciole, il dolce ricco perfetto per l’autunno
  3. Termosifoni, come risparmiare sulla bolletta con un trucchetto unico e sorprendente

Si chiama bunet così come si pronuncia in dialetto piemontese, con la t che si sente perfettamente e non bonet come spesso viene chiamato.

Lo specifica Benedetta Parodi nel suo video su Youtube, presente anche sulle sue pagine social, dove racconta tutto di questo dolce tradizionale del Piemonte, la sua regione natale.

Benedetta infatti è originaria di Alessandria e conosce bene questa specialità della sua terra che molto spesso viene scambiata per un dolce francese, ma in realtà non lo è.

Nasce proprio nella terra delle Langhe ed è un dolce al cucchiaio che ricorda molto il budino per la sua consistenza molle e gelatinosa, ma è a base di amaretti secchi uniti a uova, zucchero, latte e cacao.

Solitamente è presente anche il liquore, nello specifico il rum, ma in questo caso nel bunet di Benedetta non c’è. Le varianti, come per tutti i dolci tradizionali sono tante.

Si tratta di un dolce molto antico e il nome sembra indicare un cappello o berretto che rappresenta lo stampo in cui inizialmente veniva prodotto.

Poi invece si è data la forma rettangolare a lingotto ed è questo il modo più diffuso di prepararlo. La preparazione richiede un pò di attenzione in alcuni delicati passaggi, necessaria per ottenere un bunet perfetto come vuole la tradizione.

Perfetto a fare da elegante dessert, è sicuramente la scelta giusta per una cena speciale e un’occasione importante, è dolce e aromatico e anche senza la nota alcolica è davvero molto affascinante.

Ingredienti e preparazione del bunet di Benedetta Parodi

Ecco come preparare quello che la Parodi definisce “l’antenato del budino”, seguendo le sue indicazioni da vera esperta sarà facile realizzarlo nel migliore dei modi.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

bunet piemontese ricetta Benedetta Parodi
Benedetta Parodi (Instagram@ziabene)

INGREDIENTI

  • 200 g di amaretti
  • 400 g di zucchero semolato
  • 5 uova intere + 1 tuorlo
  • 30 g di cacao amaro in polvere
  • 750 ml di latte
  • Acqua q.b.

PREPARAZIONE (75 minuti circa)

Per cominciare questa preparazione la prima cosa da fare è versare gli amaretti sbriciolati in un mixer e tritarli sottilmente trasformandoli completamente in polvere.

Poi aggiungere metà dello zucchero e il cacao. Mescolare e aggiungere le uova intere e il tuorlo. Quindi mescolare bene il tutto e stemperare con il latte.

La crema del bunet a questo punto è pronta. Si passa poi a preparare il caramello. In un pentolino versare l’altra metà di zucchero e un pò d’acqua.

Lasciare che si caramelli a fuoco basso mescolando. Una volta pronto il caramello versarlo nell’apposito stampo e lasciarlo raffreddare.

Dopo, versarvi sopra la crema. A questo punto si passa alla fase della cottura che è la particolarità di questo dolce perché cuoce a bagnomaria in forno.

Bisogna perciò inserire lo stampo dentro una teglia grande riempita di acqua per 3/4, poi coprire con un foglio di carta alluminio ma fare un buco al centro per fare entrare aria.

Disposto così infornare in modalità statica a 180° per 45 – 50 minuti.

Trascorso questo tempo, dopo averlo lasciato raffreddare, con un coltello staccare i bordi e delicatamente capovolgerlo sul piatto da portata facendo attenzione perché gocciolerà il liquido caramellato sottostante.

Ed ecco che il bunet è pronto. Può esser preparato anche con un giorno di anticipo sul momento di consumarlo e fino ad allora conservarlo in frigorifero.