Burger King mette a dieta i dipendenti che vendono meno

Burger King mette a dieta i dipendenti che vendono meno

Burger King è stato accusato di “comportamento vergognoso” dopo aver punito il personale che non è riuscito a convincere abbastanza clienti a consumare di più. Una filiale di Fareham, nell’Hampshire, ha appuntato i nomi dei lavoratori su un muro della vergogna vicino all’ingresso del personale e ha razionato il loro assegno alimentare durante i turni di dieci ore per non aver raggiunto gli obiettivi di vendita.

La studentessa Ashley Walsh, 20 anni, di Gosport, era una delle cinque che ha ricevuto una lettera in cui si diceva di non essere capace di persuadere i clienti. Il suo pasto assegnato veniva quindi tagliato da un doppio cheeseburger, patatine fritte e da una bevanda a solo patatine fritte e acqua di rubinetto.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post