Caffè e colesterolo, c’è davvero rischio per la nostra salute? Tutta la verità

Caffè e colesterolo, quali sono i reali rischi per la nostra salute? Andiamo a vedere se davvero il caffè alza il colesterolo.

caffè e colesterolo ricerca norvegese
Caffè e colesterolo, esiste il rischio per la salute? (Foto di Christoph da Pixabay)

LE RICETTE PIU’ BUONE DI OGGI:

Come sappiamo, il colesterolo è un grasso naturalmente presente nel sangue che viene in gran parte prodotto dall’organismo, e in minima parte viene invece introdotto attraverso l’alimentazione.

Quando però è presente in quantità eccessiva, il colesterolo è uno dei fattori di rischio maggiori per lo sviluppo di malattie cardiache.

Questo succede solitamente quando si è in una condizione di sovrappeso, quando si segue un’alimentazione non sana e una vita sregolata, con abitudine al fumo e scarsa attività fisica. Anche alcune malattie metaboliche, come il diabete, possono essere associate a ipercolesterolemia.

Secondo uno studio, l’ipercolesterolemia ad oggi interessa il 38% degli italiani, in crescita rispetto ai dati di 20 anni fa. Questa condizione, porta inevitabilmente a una serie di restrizioni alimentari, che ad oggi aumentano a causa di una nuova ricerca  effettuata su una bevanda comune e amata da tutti: il caffè.

Caffè e colesterolo, la ricerca

Una ricerca norvegese, Tromsoe Hearth Study, ha messo infatti in luce un presunto legame tra il caffè e l’aumento del colesterolo.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

caffè e colesterolo ricerca norvegese
una ricerca norvegese mette in luce una correlazione tra colesterolo e caffè (Foto di Elias Shariff Falla Mardini da Pixabay)

La ricerca ha coinvolto ben 14.500 persone e dai risultati è emerso che effettivamente le persone che consumavano caffè bollito e non filtrato avevano un’incremento nel livelli di colesterolo nel sangue.

A quanto sembra però, l’incremento dei livelli di colesterolo però non dipendono dal caffè in se, ma dal modo in cui questo viene preparato.
Infatti, se preparato con la moka, o con le cialde, il caffè non sarebbe un rischio. Al contrario lo è il caffè bollito, una preparazione in uso soprattutto nei paesi mediorientali e nordici, o in Turchia, ricca di cafestolo e cafeolo, le sostanze incriminate che provocherebbero l’innalzamento del colesterolo.
caffè e colesterolo ricerca norvegese
Caffè, il problema è la preparazione (Foto di Negative-Space da Pixabay)
Noi italiani quindi, possiamo tirare tranquillamente un sospiro di sollievo, non dovendo aggiungere il caffè nella lista nera dei cibi vietati, e possiamo tranquillamente sorseggiare il caffè senza rischi per la nostra salute.