Caldarroste

PREPARAZIONE: 5 minuti COTTURA: 3 minuti
Caldarroste: la preparazione

PRESENTAZIONE

Durante i mesi autunnali e invernali la castagna è un frutto che non solo piace tanto e a tutti, ma è anche una gradevole ‘compagnia’ per il dopo pranzo o per i pomeriggi da trascorrere in casa in compagnia di amici o familiari, magari da abbinare ad un buon bicchiere di vino e una partita a carte o a tombola…

D’altronde la castagna non solo ha il potere “una tira l’altra”, ma ha anche effetti benefici sul nostro organismo: le castagne, infatti, grazie al loro ricco contenuto nutrono e rigenerano i muscoli e le cellule nervose, oltre ad avere un effetto antisettico e disinfettante. Inoltre sono un ottimo ricostituente per chi soffre di raffreddore, influenza, stanchezza cronica, mancanza di concentrazione dovuta a stress e sono ideali per il riequilibrio della flora batterica e per la motilità del tratto intestinale, motivo per cui sono un valido aiuto contro il colesterolo. Sono però sconsigliate in caso di gastrite, aerofagia e colite.

ThinkstockPhotos-156366452

INGREDIENTI

  • Sale q.b.
  • 40 caldarroste

PROCEDIMENTO

Iniziate con il procurarvi un coltello ben affilato, che servirà per intaccare ogni castagna singolarmente. Terminata questa prima operazione disponetele ben larghe in una ciotola per il forno a microonde e ricopritele di sale.

Accendete il forno a microonde e posizionatelo in funzione cottura + grill e cronometrate la cottura a due minuti e mezzo (massimo tre): il tempo della cottura dipenderà anche dalla grandezza delle castagne: più sono grandi maggiore sarà il tempo richiesto. Terminata la cottura mettetele su un piatto da portata le vostra caldarroste e date inizio alla scorpacciata.

Con questo sistema le caldarroste possono essere conservate per tutto l’inverno: una volta cotte, sbucciatele e congelatele. Alla prima occasione potete scongelarle a temperatura ambiente e poi consumarle fredde o passandole nel forno a microonde per qualche secondo.

Buon appetito a tutti e arrivederci alla prossima ricetta su Checucino.it

 

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post