Capesante gratinate

PREPARAZIONE: 30 minuti COTTURA: 10 minuti
Capesante gratinate: la preparazione

PRESENTAZIONE

Le capesante sono dei molluschi molto pregiati, paragonabili alle ostriche soprattutto per il sapore e il costo piuttosto elevato. E’ composta da due conchiglie rosso-arancio unite da una cerniera mobile e può raggiungere dimensioni di 14-15 cm. All’interno della conchiglia si trova il mollusco, composto dalla noce (la parte bianca e soda) e dal corallo (di colore arancione e più molliccio).

Le capesante si mangiano soprattutto da maggio ad agosto compresi anche se la pesca può avvenire durante tutto l’anno. Le capesante gratinate sono un piatto tipico natalizio di cui adesso vi parleremo…

ThinkstockPhotos-463116979

INGREDIENTI

  • 8 capesante
  • 2 cucchiai di prezzemolo tritato
  • 250 ml di brodo
  • 80 gr di pangrattato
  • Sale e pepe q.b.
  • 50 gr di parmigiano grattugiato
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1/2 bicchiere d’olio extravergine d’oliva

PROCEDIMENTO

In una ciotola mescolate il pane grattugiato, il formaggio, il prezzemolo, l’aglio schiacciato, un pizzico di pepe e uno di sale, quasi tutto l’olio indicato negli ingredienti e il brodo (una quantità sufficiente per ottenere un composto cremoso, né troppo asciutto e né troppo liquido: aggiungete un po’ per volta e mescolate).

Amalgamate tutti gli ingredienti in modo da ottenere un composto compatto e omogeneo, mettete le capesante in una teglia e rivestitele con il ripieno appena preparato. Prima di mettere in forno bagnatele con l’olio restante, poi infornate in forno preriscaldato a 200°C e fate cuocere per 15 minuti circa, in modo che la farcitura acquisisca una colorazione ben dorata. Prima di infornare, se desiderate, potete condire con qualche goccia di cognac.

Per far sì che i gusci stiano ben dritti durante la cottura basterà tagliare delle strisce di carta stagnola di 20 cm, arrotolarli su se stessi e formare un anello su cui andrete a poggiare le capesante. Le capesante gratinate andranno servite appena terminata la cottura, ancora calde. Buon appetito.

 

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post