Carlo Cracco e la scuola di cucina a Milano: progetto da…

Carlo Cracco e la scuola di cucina a Milano: progetto da oltre 2 milioni di euro

LA PREPARAZIONE
di Marco

Carlo Cracco potrebbe aprire presto una scuola di formazione per cuochi professionisti: lo chef vuole promuovere i principi dell’alta cucina

Carlo Cracco scuola
Carlo Cracco potrebbe aprire una scuola di cucina a Milano

Carlo Cracco ha appena aperto una scuola di cucina. Proprio così, un’iniziativa che mira a promuovere i principi dell’alta cucina. Ormai, lo chef non èiù una presenza fissa in televisione. Non è più a Masterchef ed ora è impegnato soltanto nella partecipazione ad un programma Netflix. Per questo, evidentemente, ha più tempo per coltivare le proprie passioni. Già, perché in effetti non si può dire per lui sia solo lavoro. La buona cucina, la cucina di classe, d’elite, è sempre stato un suo ‘chiodo fisso’ e adesso, a quanto pare, farà tutto il possibile per farla espandere sempre più e generare nuovi talenti dell’arte culinaria. Stando alle ultime notizie, lo chef avrebbe presentato un progetto per la realizzazione dell’istituto in un vecchio stabile comunale di Milano.

Carlo Cracco apre una scuola a Milano

Carlo Cracco, tramite l’associazione Maestro Martino, ha richiesto Palazzo De Magistris. Un edificio che si trova precisamente in piazzale Antonio Cantore 10, vicino alla Darsena, in zona Porta Genova. Con il progetto appena presentato, lo chef vuole riqualificare la struttura da 1369 mq. Ma non solo: Cracco ha intenzione di creare un punto in comune per tutti quelli che vogliono formarsi professionalmente in ambito culinario. Al momento, il comune di Milano vuole valutare anche altre proposte, altri progetti. Nel caso in cui ritenesse più interessante quello di Cracco, allora, potrebbe nascere la scuola di formazione.

Quanto costa il progetto?

Stando a quanto si legge su Cookist.it, il bando prevede un affitto dello spazio per un costo di 200mila euro l’anno. A questa cifra, va aggiunta la spesa per la ristrutturazione dell’edificio che è di 2 milioni di euro e potrà essere detratta dai canoni d’affitto per i primi 4 anni di locazione.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post