Carne bianca al posto della rossa: benefici contro cancro al seno

0
76

Lo scambio di manzo, agnello e maiale con il pollo potrebbe ridurre il rischio di cancro al seno di una donna, secondo lo studio del National Cancer Institute degli Stati Uniti ha esaminato le diete di oltre 42.000 donne e le ha seguite per otto anni.

Quelli che mangiavano la carne rossa avevano quasi un quarto in più di probabilità di sviluppare una forma invasiva di cancro al seno rispetto a quelle che ne consumavano di meno. Mentre quelli che hanno mangiato più pollame, come pollo, tacchino e anatra, avevano il 15% in meno di probabilità di sviluppare la malattia.

Gli scienziati hanno anche scoperto che lo scambio di bistecche, salsicce e selvaggina con il pollo ha ridotto del 28 per cento il rischio delle donne di contrarre la malattia. È stato scoperto che la carne rossa contiene composti cancerogeni, mentre il pollame è legato alla “bassa attività mutagena”, alla riduzione dello stress “interno” e del danno al DNA.

Un esperto ha rapidamente sottolineato, tuttavia, che lo studio ha esaminato solo le donne con una storia familiare di cancro al seno. I suoi partecipanti potrebbero quindi essere geneticamente a rischio della malattia, con i risultati non necessariamente applicabili alla popolazione generale.

Alle donne di età compresa tra 35 e 74 anni non era mai stato diagnosticato un tumore al seno, ma avevano una sorella o una parente di primo grado che combattevano la malattia. Dopo circa sette anni, tra i partecipanti sono stati diagnosticati 1.536 casi di carcinoma mammario invasivo. Le donne che hanno mangiato più carne rossa avevano il 23% in più di probabilità di sviluppare il cancro al seno rispetto a quelle che consumavano di meno.

Mentre le donne che hanno mangiato più pollame avevano il 15% in meno di probabilità di ritrovarsi combattere la malattia rispetto a quelle che consumavano di meno. Non è stata trovata alcuna associazione tra le “pratiche di cottura”, come la frittura contro la griglia, e l’insorgenza del cancro al seno. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, le sostanze chimiche cancerogene, come i composti N-nitroso, vengono prodotte durante la lavorazione della carne rossa. La cottura della carne rossa produce anche sostanze chimiche come le ammine aromatiche eterocicliche, che sono note o sospette sostanze cancerogene.

A differenza della carne rossa, il pollo è relativamente povero di grassi. Pertanto, le persone che sono consapevoli del loro benessere possono optare per il pollame e condurre stili di vita più sani in generale.