Castagne e marroni, quali sono le differenze? Ecco 7 modi per distinguere questi frutti

Castagne e marroni, spesso confusi, in realtà sono due frutti differenti. Ma come riconoscerli? Ecco 7 modi per riconoscerli.

castagne e marroni
foto pixabay

Ogni anno, con l’arrivo dell’autunno, arrivano anche i suoi sapori caratteristici e i suoi simboli, che immancabilmente ci portano con la mente alle fredde giornate che ritroviamo in questa stagione.

Tra questi , sicuramente, troviamo fra tutti la castagna, frutto che con il suo sapore e colore, è proprio l’emblema dell’autunno.

Ma c’è un mistero che ruota intorno a questo frutto. Come si fa a distinguere le castagne da i marroni? e qual’ è la differenza sostanziale?

Molti infatti, erroneamente, chiamano entrambi i frutti castagne, ma non è corretto, perchè in realtà ci sono varie differenze che li distinguono.

Quali sono allora queste differenze? Sono ben 7 tra sapore e aspetto fisico. Andiamo a vederle insieme.

Castagne e marroni: le 7 differenze

La prima grande differenza per distinguere le castagne da i marroni è la provenienza: le prime infatti sono dei frutti che vengono da un albero selvatico, mentre gli altri provengono invece da una pianta coltivata.

castagne e marroni
foto Pixabay

La seconda differenza si può trovare nella forma e nella dimensione del frutto: mentre la castagna è più piccola e piatta da un lato, il marrone è più grande ed ha una forma più tondeggiante, che ricorda un cuore.

La terza differenza la troviamo osservando la buccia, infatti mentre quella della castagna è più scura, quella del marrone è più chiara con striature che tendono al rosso.

La quarta grande differenza è nel riccio che contiene i frutti che nel caso della castagna arriva a 7 frutti mentre nel caso del marrone può arrivare a un massimo di 3.

Potrebbe interessarti anche -> Asparagi, come riciclare i gambi. Ricette e consigli

La pellicola che ricopre il frutto rappresenta la quinta differenza: nella castagna troviamo una pellicola molto più spessa e difficile da eliminare rispetto all’altro frutto.

La sesta differenza si trova nella base, di colore più chiaro, chiamata cicatrice ilare: mentre quella della castagna è di forma più tondeggiante, quella del marrone presenta una forma che ricorda più un rettangolo.

L’ultima e importate differenza per riconoscere i due frutti è proprio la cosa più essenziale: il sapore. Quello della castagna è più marcato e meno dolce rispetto al marrone che invece è apprezzato proprio per essere molto dolce.

Potrebbe interessarti anche -> Le pere e le loro proprietà protagoniste di un dolce delizioso con le mandorle