Cibi ultra processati, ecco cosa fanno al cervello: lo studio shock

I cibi ultra processati, ovvero ciò che è comunemente detto cibo spazzatura, agisce in modo notevolmente negativo sul nostro cervello. Ecco cosa ha scoperto un recente studio. 

Cibi ultra processati cervello
Cibi ultra processati (Canva)

LE RICETTE PIU’ BUONE DI OGGI:

  1. Torta alle mele, la versione super light senza grassi e poche calorie. Da provare!
  2. Insalata di mare, la ricetta che porta a tavola il profumo autentico dell’estate
  3. Calamari ripieni al profumo di limone, un secondo piatto da leccarsi i baffi! Pronto in pochi minuti

Per quanto sia gustoso e complicato da resistere, il cibo spazzatura, o cibo ultra processato che dir si voglia, è quella categoria alimentare che deve stare a diversi kilometri dal nostro stomaco.

Questo poiché agisce in maniera negativa su numerose parti del corpo regolando moltissime controindicazioni e zero benefici.

Un ultimo studio shock ha inoltre scoperto che questi cibi ultra processati influiscono malignamente anche sul funzionamento del cervello. Scopriamo insieme in quale modo.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Cibi ultra processati, ecco cosa fanno al cervello: lo studio shock

Partiamo dal principio però: cosa si intende per alimenti ultra processati? Si tratta di prodotti industriali composti con più di 5 ingredienti e insaporiti con elementi come maltodestrine, edulcoranti, stabilizzanti di sapore, grassi idrogenati e proteine idrolizzate.

Fanno dunque parte di questa categoria le confezioni di patatine fritte, di merendine, di dolciumi varie, di salse o di panini e tramezzini farciti con alimenti non proprio benefici.

Cibo spazzatura controindicazioni
Patatine fritte in busta (Canva)

Uno studio dell’Università di San Paolo in Brasile, capitanato dalla dottoressa Claudia Suemoto, ha evidenziato che chi fa uso assiduo di tali alimenti può riscontrare un notevole calo delle proprie facoltà cerebrali.

Infatti su un campione totale di 10mila persone, coloro che facevano frequente utilizzo di cibi ultra processati hanno dimostrato un decremento del 28% delle funzioni cognitive rispetto a chi evitava questa strada.

Ciò avviene a causa di un’infiammazione sistemica che annebbia il cervello. Inoltre uno studio adiacente ha portato alla luce che chi fa assunzione frequente di troppi sali e zuccheri, facilita il proprio organismo ad andare incontro a patologie intestinali e cerebrali gravi.

cibo spazzatura
Sali e zuccheri (Canva)

Ancora una volta, gli studi scientifici sono qui ad esporci quanto sia utile possedere un’alimentazione sana e variegata per evitare di incappare in tali problematiche.