Cibo al mercato: mancanza di igiene e rischio listeria

Cibo al mercato: mancanza di igiene e rischio listeria

I mercati degli agricoltori possono essere il posto migliore per ottenere latte crudo, asparagi Kentish e cavolo biologico, ma potrebbero farti star male. La cattiva igiene dei cibi e il mancato lavaggio delle mani sono diffusi nei mercati degli agricoltori alla moda, dicono gli scienziati, mettendo i clienti a rischio di intossicazione alimentare.

Sono comuni i venditori che non usano i guanti monouso, che toccano sia il cibo crudo che cucinato e che maneggiano i soldi senza lavarsi le mani. I ricercatori hanno anche scoperto che il 40% della carne bovina venduta nei mercati conteneva E. coli che causa la diarrea, così come altre carni e verdure.

Alcuni scienziati americani sono andati sotto copertura nei mercati degli agricoltori per rivelare la mancanza di igiene alimentare di base. Ma man mano che i mercati crescono in numero e dimensioni, aumenta anche il rischio di intossicazione alimentare, dicono gli esperti.    Meno del 24% dei venditori ha presentato guanti monouso sui propri stand, nonostante la maggior parte di essi serva cibi crudi e cotti nello stesso stand.

E tra quelli che usano i guanti usa e getta, quasi la metà li ha usati male, come ad esempio gestire denaro e cibo crudo senza cambiare i guanti. “C’è una generale mancanza di comprensione tra i venditori su quando usare i guanti monouso, quando cambiare i guanti e quali tipi di comportamenti sono inaccettabili mentre si indossano i guanti.”

Durante lo studio di cinque anni, pubblicato sulla rivista Food Protection Trends, gli scienziati hanno anche testato verdure a foglia verde e carne per la presenza di batteri. Hanno trovato E. coli – che causa diarrea e vomito – su manzo e maiale, oltre che nel 29% di lattuga, 28% di cavolo e anche negli spinaci.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post