Cibo spazzatura come una droga: crisi di astinenza per chi smette

Cibo spazzatura come una droga: crisi di astinenza per chi smette

Tagliare il cibo spazzatura dalla tua dieta potrebbe causare sintomi da astinenza simili a quelli che soffrono i tossicodipendenti. I ricercatori dicono che le persone che rinunciano a cibi come patatine e pizza soffrono di molti degli stessi sintomi fisici e psicologici – come mal di testa, sbalzi d’umore e voglie – come quelli che smettono di fumare o fanno uso di oppioidi.

Studi precedenti hanno esaminato gli effetti del ritiro dello zucchero tra gli animali e nei pochi studi condotti sugli esseri umani. Il team dell’Università del Michigan afferma che questo è il primo studio a dimostrare che le persone possono avere sintomi simili all’astinenza quando riducono la quantità di alimenti altamente trasformati che mangiano.

L’autrice principale Erica Schulte, una dottoranda in psicologia presso l’Università del Michigan, ha dichiarato al Daily Mail Online: “Una delle critiche frequenti è stata che non sono stati condotti studi sugli esseri umani per indagare se l’astinenza, una caratteristica fondamentale della dipendenza, può verificarsi quando le persone riducono il cibo spazzatura”. Per lo studio, il team ha reclutato 231 partecipanti di età compresa tra 19 e 68 anni.

I ricercatori hanno poi chiesto agli adulti di riferire cosa è accaduto quando hanno ridotto la quantità di cibo spazzatura che hanno mangiato – o si sono astenuti da esso – nell’ultimo anno. Se qualcuno avesse provato a smettere più volte, dovevano riferire sulla loro esperienza più recente. I sintomi più intensi sono stati segnalati tra due e cinque giorni dopo il tentativo di riduzione. Quasi il 98 percento dei partecipanti ha affermato di provare sensazioni di tristezza, affaticamento, desiderio e irritabilità aumentata durante quel periodo di tempo. Trascorso tale periodo, la gravità dei sintomi si riduce. I ricercatori hanno sottolineato che il lasso di tempo era simile a quello di qualcuno che cercava di smettere di fumare o drogarsi.

Secondo l’American Addictions Center, quando le persone smettono di assumere oppiacei, i primi sintomi iniziano entro sei-12 ore per gli oppiacei a breve durata d’azione e entro 30 ore per quelli a più lunga durata. Questi includono dolori muscolari, agitazioni, ansia, difficoltà ad addormentarsi e persino ipertensione. I sintomi raggiungono il picco dopo 72 ore – come nausea, vomito, diarrea, crampi e voglie – e di solito durano circa una settimana.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post