Cioccolato fondente, causa o effetto della depressione?

Cioccolato fondente, causa o effetto della depressione?

di Ivana Tramontano

Le persone che mangiano regolarmente cioccolato fondente hanno meno probabilità di essere depresse.

Gli scienziati hanno esaminato più di 13.000 persone e scoperto che i volontari che hanno riferito di aver mangiato cioccolato fondente avevano significativamente meno probabilità di segnalare qualsiasi segno clinico di depressione. Il cioccolato contiene numerosi ingredienti psicoattivi, tra cui due forme di anandamina, che producono una sensazione di euforia simile a quella della cannabis.

Il cioccolato fondente ha anche più antiossidanti, che riducono l’infiammazione nel corpo, una reazione che alcuni esperti ritengono sia legata alla depressione. Tuttavia, il team ha ammesso che potrebbe anche essere il caso che le persone depresse mangino meno cioccolato perché il loro umore basso li fa perdere interesse a mangiare dolci.

I volontari che hanno consumato una qualsiasi quantità di cioccolato fondente nei due giorni avevano una probabilità inferiore del 70% di sintomi depressivi. Il 25% dei partecipanti che ha mangiato più cioccolato di qualsiasi tipo – da 104 a 454 g – aveva anche il 58% in meno di probabilità di riferire sintomi depressivi rispetto a quelli che non mangiavano affatto cioccolato.

Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire il nesso tra cioccolato e depressione. Potrebbe essere il caso che la depressione induca le persone a perdere il loro interesse a mangiare cioccolato. Oppure potrebbero esserci altri fattori che rendono le persone meno propense a mangiare cioccolato fondente e ad essere depresse.

La depressione colpisce oltre 300 milioni di persone in tutto il mondo, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, ed è la principale causa globale di disabilità. Il problema principale di questo studio è che non può dirci se è il cioccolato fondente che protegge dalla depressione o se è la depressione che influenza il consumo di cioccolato fondente. Sappiamo che la depressione ha segnato effetti sull’appetito generale e sul tipo di alimenti che le persone desiderano. Ed è altrettanto plausibile che la direzione della causalità sia il contrario dell’interpretazione degli autori.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post