Colazione, la nuova tendenza arriva dall’estero: addio a cornetto e brioche. Motivo incredibile

Probabilmente farà inorridire molti italiani questa idea bizzarra, ma il trend sta prendendo sempre più piede con tanto di servizi tv, articoli delle grandi testate, consigli di nutrizionisti e diete aggiornate. 

Pasta a colazione moda americana nuovo trend
Colazione (Foto di Syda Productions AdobeStock)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Se diciamo colazione la prima risposta che viene in mente è subito cornetto e cappuccino, magari la seconda latte e biscotti e forse in fondo, dopo lo yogurt con i cereali anche le uova strapazzate e del pane tostato.

A chi verrebbe mai in testa di dire pasta? Eppure sembra essere una tendenza in netta crescita quella di consumare la pasta a colazione, una moda più che consolidata che arriva dall’estero e che pare impazzare nei servizi tg, nelle riviste di costume, e sul web dove sempre più influencer ne vanno ghiotte.

Molti italiani in questo momento forse stanno inorridendo al solo pensiero, ma alla base di questa bizzarra idea pare esserci anche uno studio multiplo di varie università americane.

Come riporta Repubblica.it, ci viene da pensare che la faccenda abbia preso un pò troppo la mano a tutti:

(…) I professionisti della nutrizione americani, inglesi, australiani e tedeschi, dicono che tagliatelle, spaghetti e maccheroni e tutti gli altri formati di pasta, possono essere un delizioso e corretto sostituto delle classiche preparazioni da prima colazione, corn flakes e cereali ‘golosi’ inclusi“.

Ma cosa sta succedendo? Si quali fondamenti si fonda tale nuova congettura nutrizionale? Vediamo cosa dicono e sostengono caldamente da oltre oceano (e non solo).

La pasta a colazione? Sembra una “moda” che durerà nel tempo, ma in Italia?

La proposta può sembrare provocatoria, eppure pensandoci bene, molti degli ingredienti usati per la preparazione della pasta sono gli stessi impiegati per le preparazioni della colazione, come farina, uova, olio d’oliva, eccetera.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Colazione dolce
Colazione dolce (Foto di Francesco83 AdobeStock)

Esiste già una dieta della pasta, che abbiamo trattato abbondantemente sul nostro sito, e l’idea della pasta a colazione si basa sullo stesso principio di fondo.

Mangiando la pasta a colazione si può quindi mantenere stabile il livello di glicemia e favorire lo smaltimento dei grassi. Stimolando il glucosio, il Gh (Growth hormone), ovvero l’ormone della crescita, viene prodotto così anche nelle prime ore del mattino inibendo il cortisolo.

La dieta della pasta prescritta può durare 5 oppure 7 giorni per potenziare gli effetti e riesce a far perdere La perdita tra i 2-4 Kg, ma varia da persona a persona perché tutto dipende dalle condizioni psicofisiche dei singoli individui.

La colazione, quindi, trae i suoi fondamenti dallo stesso principio. Ricordiamo che i carboidrati complessi, assieme ai grassi sani e le proteine sono sempre alla base di una prima colazione che assicura energia di primo mattino e sazietà per molte ore.

Inoltre un piatto di pasta è più facile da digerire che non certe preparazioni a base di uova, bacon, patate e magari anche formaggio, oppure frullati proteici a base di miscugli vari, latte, yogurt e frutta secca.

Dieta pasta riscaldata perché
Pasta fresca saltata in padella (Foto di Yura per AdobeStock)

Quindi da domani carbonara alle 7 di mattina? Forse in Italia questa moda non verrà neppure presa in considerazione. Siamo un popolo troppo legato alla tradizione per cadere nel buco nero degli sfaceli culinari che arrivano dall’America e non solo.

Meglio la pasta a pranzo o cena, accompagnata da un bel bicchiere di vino bianco e rosso per terminare la giornata nel massimo piacere.