Colesterolo: dopo le feste natalizie aumenta del 20%

Colesterolo: dopo le feste natalizie aumenta del 20%

Uno studio condotto su oltre 25.700 persone ha rilevato che i livelli di colesterolo sono aumentati fino al 20% in gennaio, a causa delle feste natalizie. Di conseguenza gli scienziati hanno avvertito i medici che non dovrebbero diagnosticare le persone con colesterolo alto a gennaio. E ogni paziente a cui viene detto di avere livelli alti di colesterolo all’inizio dell’anno dovrebbero sottoporsi a nuovi esami prima di assumere farmaci.

La ricerca è stata condotta dall’Università di Copenhagen e condotta dal dott. Signe Vedel-Krogh, del dipartimento di biochimica clinica. “Il nostro studio mostra che i livelli di colesterolo sono influenzati dal cibo grasso che consumiamo quando festeggiamo il Natale”, ha detto l’autrice dello studio, la dott.ssa Anne Langsted, anch’essa specializzata in biochimica clinica. “Il fatto che così tante persone abbiano letture elevate subito dopo le vacanze di Natale è davvero sorprendente.”

Il colesterolo alto si verifica quando i depositi di grasso si accumulano nei vasi sanguigni, rendendo difficile il flusso di sangue attraverso le arterie. Questo è spesso il risultato di una dieta che include troppa carne rossa e latticini grassi. Se il cuore non ha abbastanza sangue ricco di ossigeno, potresti avere un attacco cardiaco, mentre la mancanza di sangue al cervello può causare un ictus. Tali condizioni sono responsabili di un decesso su quattro nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

I ricercatori hanno esaminato i livelli di colesterolo di 25.764 persone, di età compresa tra 20 e 100 anni, dallo studio di popolazione generale di Copenaghen, nel corso di un anno. I risultati suggeriscono che il livello complessivo di colesterolo di una persona a dicembre o gennaio è superiore del 15% rispetto a maggio a giugno. E il loro ammontare di cosiddetto “colesterolo cattivo”, noto come LDL, è del 20% più alto durante le festività natalizie.

“Festeggiare il Natale è associato a livelli più alti di colesterolo totale e di colesterolo LDL e ad un più alto rischio di ipercolesterolemia negli individui nella popolazione generale”, hanno scritto gli autori. Sottolineano che le persone non dovrebbero farsi prendere dal panico se gli viene detto che hanno un colesterolo alto nel nuovo anno. “È importante essere consapevoli di questo, sia per i medici che curano il colesterolo alto che per coloro che desiderano mantenere bassi i livelli di colesterolo”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post