Come attenuare i sintomi dell’influenza stagionale, i consigli della naturopata Deborah Claro

Sono molte le persone che in queste settimane si stanno ammalando anche di semplice influenza stagionale (tosse, raffreddore, ecc…). Come curare questi sintomi e attenuarne la virulenza sul fisico?

Influenza stagionale rimedi dottoressa Deborah Claro
Influenza stagionale (Foto di sebra AdobeStock)

Lei è laureata in farmacia e poi ha ottenuto un master a pieni voti in naturopatia che esercita attivamente per aiutare le persone che desiderano ritrovare uno stato di equilibrio corpo e mente a partire anche dalla tavola.

Deborah Claro pochi giorni fa nella sua pagina Instagram ha deciso di rispondere tramite una serie di video stories alla domanda più pressante che le viene rivolta in queste settimane: “Come attenuare i sintomi dell’influenza stagionale?“.

Ricordiamo che nonostante la pandemia in atto, sono milioni gli italiani a letto con tosse, raffreddore, congestione e dolori articolari. Cosa c’è di meglio quindi che prendersi una pausa e adottare gli accorgimenti suggeriti proprio dalla Claro?

Non una soluzione miracolosa ma sistemi per far sì che il virus sia meno aggressivo e lasci poi il fisico meno malandato una volta terminata la sua carica virale.

Vitamine e idratazione, la cura all’influenza è una sola

La prima cosa che la dottoressa suggerisce è quella di rimanere in casa al caldo per evitare sbalzi di temperatura importanti a cui il corpo non è abituato ma anche “accumuli di catarro o infezioni che potrebbero facilmente sovra infettarsi“.

Influenza stagionale rimedi dottoressa Deborah Claro
Decotto con erbe mediche (Foto di yuliyam AdobeStock)

Cercare di riposare anche se sembra di sentirsi abbastanza bene. Bere brodi caldi, zuppe di verdura, idratarsi a sufficienza, “meglio un bicchiere o tisana ogni quarto d’ora“, spiega.

La Claro poi prosegue nella lista: “Cercate di fare dei decotti o degli infusi con dei rametti di rosmarino, alloro o zenzero“. Chiede di procurarsi poi degli ottimi integratori a vase di echinacea o Uncaria tomentosa (nota come unghia di gatto, ndr) come immuno stimolanti.

Importante aumentare il consumo di vitamina C non solo tramite alimenti come cavoli, cavolfiore, broccoli, kiwi e arance che magari possono non essere sufficienti.

Utilizzare quindi integratori specifici meglio se con un long release, ovvero un rilascio prolungato nel tempo. In particolare aumentare anche l’integrazione di vitamina D e zinco durante la giornata.

Nell’ambito invece dei fitonutrienti noi sappiamo che la lattoferrina e la quercitina assieme alla naringenina hanno dato ottimi risultati in casi di infiammazione, sono antivirali e antisettici. Quindi niente paura, in questi giorni cercate di assumere integratori e mantenete anche un buono stato di salute della microflora intestinale con probiotici specifici“.

Come ultimo step la dottoressa insegna anche a praticare una ginnastica respiratoria per mantenere attivi ed in buono stato i polmoni in caso di bronchiti o raffreddori forti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Su quale lato dormire dopo aver mangiato? La scienza è chiara a riguardo, non ci sono alternative

Si prende una bottiglietta, 20 ml acqua e una cannuccia inserita all’interno, 10 espirazioni due volte la giornata soffiando nella cannuccia e creando le bolle all’interno.