Come preparare la parmigiana di zucchine: niente frittura, più leggera

Come preparare la parmigiana di zucchine: niente frittura, più leggera

LA PREPARAZIONE
di Marco
Parmigiana di zucchine: semplice da preparare e senza frittura. Più leggera di quella classica, una variante da 10 e lode!
parmigiana zucchine
Come fare la parmigiana di zucchine
Sì, è vero: siamo abituati alla parmigiana di melanzane. Ma cosa c’è di male se al posto loro ci mettiamo un altro ortaggio? Ecco, per esempio, le zucchine si prestano benissimo al compito. Riescono a sostituire perfettamente le melanzane nella parmigiana. Hanno un sapore unico e riescono ad essere ben accette da tutta la famiglia: dai più grandi ai più piccoli. Insomma, si tratta anche di una curiosa rivisitazione della parmigiana classica con cui potreste stupire i vostri amici quando li invitate a cena. Inoltre, dettaglio da non sottovalutare: questa ricetta non prevede la frittura. E’ molto semplice prepararla. Di seguito vi proponiamo la lista completa degli ingredienti di cui avrete bisogno.

Come preparare la parmigiana di zucchine senza frittura

Ecco, di seguito, gli ingredienti:
500 gr zucchine
300 gr mozzarella fresca
100 gr prosciutto cotto
Sale
Pangrattato
Prezzemolo tritato
Parmigiano
Olio d’oliva
PROCEDIMENTO:
Innanzitutto laviamo le zucchine, asciughiamole e poi togliamoci le punte. Cominciamo a tagliarle a fettine sottili e in una ciotola prepariamo pangrattato, parmigiano, sale e prezzemolo tritato. Prendete una teglia da forno e bagnatela con un filo d’olio extravergine d’oliva. Adagiatevi all’interno le vostre zucchine impanate cominciando a fare lo strato più basso della vostra parmigiana. Ogni strato dev’essere alternato da mozzarella e prosciutto cotto. Infornate a 200° per 20 minuti con la carta alluminio sopra in modo che non si abbrustolisca tutto. A fine cottura, togliete la carta alluminio e fate cuocere ancora per 10 minuti. Vedrete, il risultato sarà sorprendente e sarà anche un piatto un po’ più leggero rispetto alla classica parmigiana che invece prevede la frittura dell’ortaggio. Insomma, mettetevi all’opera e poi, tra i commenti, non dimenticate di farci sapere com’è andata.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post