Come riconoscere l’olio di oliva di qualità

Come riconoscere l’olio di oliva di qualità

Come riconoscere un olio di oliva di qualità da un olio di oliva scadente? Vi sveliamo alcuni segreti per la distinzione, anche se avvolte basta leggere accuratamente l’etichetta come spesso suggerito dalla Coldiretti e dalle altre associazioni di categoria.

Leggere l’etichetta

Quando si acquista l’olio è opportuno leggere l’etichetta, controllare il luogo di produzione, il nome del produttore e se è presente la dicitura 100% italiano.

Estrazione e spremitura a freddo

Spremitura a freddo o estratto a freddo sono ulteriori diciture da verificare sull’etichetta. Inoltre affinchè l’olio conservi inalterate tutte le sue proprietà nutritive e organolettiche la temperatura di spremitura non deve superare i 27 °

Il colore

Il colore è un elemento da tenere in considerazione? Non è sempre vero, perchè il colore dell’olio può essere influenzato dal tipo di olive, dalla tipologia di spremitura e dal passare del tempo.

Il prezzo

Un prezzo troppo basso potrebbe essere un segnale di scarsa qualità oppure significa che ci si trova di fronte ad un prodotto di importazione, magari ottenuto con processi produttivi non idonei.

Sapore che pizzica

Se si acquista l’olio al frantoio, il suo sapore sarà leggermente amaro e piccante. L’olio acquistato al supermercato invece può pizzicare di meno rispetto a quello del frantoio a causa del processo di imbottigliamento, ma questo non significa che non sia buono.

Fluidità medio-bassa

Un buon olio extravergine non deve essere troppo fluido in caso contrario potrebbe non essere di buona qualità. Per verificare la consistenza è  necessario versarne un cucchiaio in  un bicchiere e agitare.

Profumo

Un olio di qualità deve avere il profumo che richiama il contesto da cui proviene. Si devono sentire gli odori delle olive, di erba falciata, di frutta e di verdura.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post