Come scegliere il salmone al supermercato? Tutte le info utili da conoscere per un acquisto consapevole

Sappiamo davvero tutto su uno dei protagonisti della cucina moderna? Gli esperti del settore ci hanno dato alcune dritte da conoscere per fare la migliore scelta possibile tra quelli presenti. 

Salmone confezionato sottovuoto
Salmone confezionato sottovuoto (Foto di Ilia Nesolenyi AdobeStock)

LE RICETTE PIU’ LETTE DI OGGI:

Il salmone negli ultimi decenni è uno dei pesci più amati a livello mondiale per la grande versatilità che regala in tutte le preparazioni in cui è inserito ed il modo accattivante con cui viene proposto in particolare nei piatti finger food delle moderne cucina fusion e non solo.

È alla base di molti piatti serviti in estate (sul nostro sito la lista è infinita), soprattutto abbinato all’avocado e alle uova, ma conosciamo davvero tutte le proprietà nutritive, i valori nutrizionali ed i benefici del salmone?

Oggi viene prevalentemente allevato in acquacoltura perché il salmone selvaggio si trova solo in pochissime zone del mondo come l’Alaska, nel resto dei mari è vietato allevarlo.

VARIETA’ DI SALMONE IN NATURA

Questo pesce fa parte della famiglia Salmonidae che presenta specie diverse per dimensioni e peculiarità. Vediamo quali sono:

  • Salmone dell’Atlantico: come dice il nome è l’unico presente in Europa (ne fa parte la varietà Norvegese). Le dimensioni sono variabili ma possono raggiungere anche i 150 cm di lunghezza.
  • Salmone Rosa: è il più piccolo salmonide che vive nell’oceano Pacifico e non supera i 2 kg.
  • Salmone Argentato: diffuso nell’Oceano Pacifico settentrionale, raggiunge i 110 cm con peso che può arrivare a 15 kg ed è un’altra specie molto consumata nella nostra alimentazione.
  • Salmone Rosso: è anch’esso originario dell’Oceano Pacifico, è di taglia media (4,5 kg) e ha una forma più snella rispetto alle altre specie.
  • Salmone Reale: lo troviamo nell’Oceano Pacifico. Lo si riconosce subito per la sua forma tozza e per il peso che può arrivare oltre i 60 kg.

In commercio esistono diversi tipi di salmone: fresco, surgelato o affumicato. I primi due non subiscono nessun tipo di trattamento se non quello a freddo previsto dalle direttive internazionali in materia di conservazione o surgelamento in barca.

Mentre il secondo – quello di  affumicatura – prevede che venga prima messo sotto sale e poi affumicato.

Verso quale orientarsi quindi quando lo acquistano in pescheria oppure al supermercato? Ne esistono moltissime varietà, ognuna con caratteristiche diverse in termini di struttura e colore.

Ecco qualche consiglio che ci viene dato direttamente dagli esperti del settore per fare una scelta oculata che predilige pesci non di allevamento e senza la presenza di additivi.

Salmone. Come scegliere quello da portare in tavola

Se lo si compra al supermercato all’interno delle classiche confezioni sottovuoto (quindi naturale oppure affumicato), le cose da osservare con maggiore attenzione sono le seguenti:

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Salmone scheda base: varietà, proprietà, benefici, usi in cucina
Pulire il salmone (Foto di karepa AdobeStock)

Presenta strisce bianche di grasso sulla pelle? Oppure un colore troppo chiaro arancio quasi rosato e grasso visibile in superfice?

Si tratta di due tipologie di salmone d’allevamento in cui il colore indica che nella sua vita ha assunto mangimi con coloranti, antibiotici e diversi pesticidi per evitare l’insorgere di malattie intestinali.

Mentre le strisce rivelano la scarsa mobilità nelle vasche di allevamento. Inoltre quando si acquista del salmone confezionato serve prestare massima attenzione alla zona di pesca FAO.

Sempre meglio evitare il pesce allevato e pescato nelle zone Fai 61, 67, 71 dove il rischio inquinamento (radioattivo e non) è sempre molto alto. Ricordiamo che queste sono altamente inquinate a causa del disastro verificatosi a Fukushima.

Etichetta del tonno sigla provenienza pescato mondo
Zone di pesca nel mondo (Foto dal web)

Quindi il consiglio è quello di prediligere salmone selvaggio o di allevamento non intensivo, riconoscibile dal colore rosso/arancio scuro e dall’assenza delle striature di grasso.

Leggere inoltre sempre la lista degli ingredienti che deve essere sintetica e senza l’aggiunta di coloranti, conservanti, aromi e iniezioni di salamoia