Come sostituire il caffè: 4 alternative salutari. Addio gonfiore addominale e irritabilità

Esistono quattro altre bevande che possono aiutare ad avere un effetto energizzante oltre al caffè, hanno tutte un effetto tonico, ma non agiscono sul sistema nervoso o sull’intestino infiammandolo.

Come sostituire il caffè: 4 alternative salutari
Il caffè fa male (foto @lushome)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Come più volte abbiamo detto, nel nostro Paese il caffè è un rito imprescindibile che viene consumato regolarmente da circa 7 italiani su 10 la mattina appena alzati.

Senza eccedere nelle dosi, per i medici il caffè è una delle bevande più sane del pianeta e potrebbe addirittura prolungare la vita. I nutrizionisti consigliano in generale di non superare i 400 mg di caffeina al giorno (pari a 3-4 tazzine senza zucchero), ottimi per permettere a questa bevanda di compiere il suo dovere.

Il caffè contiene centinaia di composti diversi, alcuni dei quali offrono importanti benefici per la salute. Molti di questi composti presenti nel caffè sono antiossidanti che proteggono dallo stress ossidativo nel corpo causato dai radicali liberi.

Gli scienziati hanno identificato circa 1.000 antiossidanti nei chicchi di caffè e altre centinaia si sviluppano durante il processo di tostatura.

Gli antiossidanti combattono l’infiammazione, una causa alla base di molte condizioni croniche, tra cui l’artrite, l’aterosclerosi e molti tipi di cancro.

Però si è scoperto anche che l’assunzione regolare di caffè è collegata a un minor rischio di morte per varie malattie gravi come il diabete, l’Alzheimer e il Parkinson.

Ricordiamo però anche che il caffè, in alcuni soggetti e in determinate circostanze o periodi, può provocare anche:

  • Gonfiore addominale
  • Gonfiore addominale prima o durante l’ovulazione (donna)
  • Gastrite bruciori e acidità di stomaco
  • Mal di stomaco
  • Reflusso esofageo.

Queste problematiche sono dovute alla presenza dei tannini, i residui del processo della torrefazione, che naturalmente ostacolano la digestione inibendo il lavoro degli enzimi digestivi.

I tannini però impediscono anche la corretta assimilazione delle proteine e degli oligoelementi, e non di rado provocano infiammazione intestinale diventando un vero e proprio lassativo naturale.

Se anche voi soffrite di queste problematiche allora la soluzione è solo una, ecco 4 valide alternative al caffè che potete assumere senza difficoltà. Eccole tutte.

Addio caffè, 4 alternative salutari per la tua colazione/dopo pasto

A volte poter eliminare il caffè sembra un’utopia talmente siamo abituati ad assumerlo con costanza il mattino oppure dopo i pasti principali.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

tè verde matcha preparazione ricetta originale
Il tè verde matcha (Foto di vetre AdobeStock)

Il caffè però a volte è solo un’abitudine, non una necessità indispensabile per andare avanti. Se anche voi avete bisogno di qualcosa di naturale che però vi dia la giusta carica ecco le alternative naturali che potete assumere con costanza senza timore di ripercussioni sul vostro intestino.

  1. Bevande a base di tè verde (o tè nero o tè Matcha)
  2. Bevande con la Maca
  3. Ginseng
  4. Bevande con il cacao

Tutte queste hanno tutte un effetto tonico, ma non agiscono sul sistema nervoso o sull’intestino infiammandolo!

Soprattutto il tè verde è una fonte ricca di antiossidanti, quindi ottimo alleato per prevenire le malattie croniche e i problemi d’invecchiamento precoce della pelle.

Inoltre una tazza di tè verde al giorno aiuta a depurare il fegato e ne garantisce il corretto funzionamento. Aiuta infatti a prevenire danni causati da sostanze tossiche come l’alcol e previene le infiammazioni.

Tè verde 3 volte la settimana allunga la vita
Tè verde (Foto di Pexels da Pixabay)

Ha anche un effetto lassativo che aiuta a prevenire e a combattere la stitichezza eliminando quindi il gonfiore addominale e altri problemi digestivi.