Come togliere l’arsenico dal riso. Lavarlo non basta: tutto quello che devi fare

Per togliere l’arsenico dal riso, lavarlo non basta: bisogna adottare altri accorgimenti e bisogna stare molto attenti.

Come togliere arsenico riso
Riso (Foto di Polina Tankilevitch da Pexels)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Il riso è un alimento consumato e apprezzato in tutto il mondo: il cereale in questione rappresenta indubbiamente l’ingrediente di base di diversi piatti tipi.

In diverse Nazioni è l’alimento base, soprattutto in Cina e in Giappone: emblematico il caso del sushi, pesce crudo accompagnato spesso e volentieri da mix di riso.

In commercio esistono davvero tantissimi tipi: c’è quello integrale, c’è quello nero, c’è quello rosso e così via. Secondo alcune stime, in tutto il pianeta ci sono ben 140mila varietà diverse.

Per alcune ricerche importanti, questo cibo è alquanto particolare dal momento che è la principale via di esposizione di ingestione di arsenico. Una piccola granella di riso contiene quantità di arsenico dieci volte superiori rispetto agli altri cereali.

Tale sostanza tossica si trova nel suolo e nell’acqua: l’incremento è legato all’uso di pesticidi e all’inquinamento dell’acqua.

Quando arriva l’avvelenamento da arsenico, le persone possono avere alcuni sintomi tra cui vomito, dolore addominale, encefalopatia e diarrea con sangue. Per rimuoverlo, lavarlo non basta: tutto quello che devi fare.

Come togliere l’arsenico dal riso: lavarlo non basta

Il riso può contenere l’arsenico, una sostanza tossica altamente presente in natura. Stando al pensiero comune, basta sciacquare il cereale per rimuovere tutto. Nulla di più sbagliato: le persone dovrebbero adottare alcuni accorgimenti.

Come togliere arsenico riso
Riso sulle mani (Foto di Polina per Pexels)

La prima cosa consigliata è l’ammollo: occorre immergere il riso in molta acqua e lasciarlo lì per una nottata intera. Dopo averlo scolato, risciacquare il tutto con acqua corrente: circa l’80% dell’arsenico verrà rimosso.

C’è anche un secondo metodo, associato ad una cottura particolare del riso. Aggiungete in pratica tanta acqua, provando a mettere circa cinque parti per ogni parte dell’alimento.

In questo modo, si eliminerà circa il 57% dell’arsenico. Dopo la cottura, scolate il riso e risciacquatelo nuovamente: anche le ultime tracce della sostanza tossica saranno rimosse.

riso Basmati cantonese Bimby ricetta
Riso Basmati (Foto di pictavio da Pixabay)

Per non rischiare l’avvelenamento di arsenico, potrebbe essere molto utile cambiare la tipologia di riso che assumiamo con le nostre diete. Secondo alcune ricerche effettuate negli Stati Uniti, il riso integrale presenta ad esempio livelli molto più bassi di tale sostanza dannosa e tossica.